Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Riflessioni post elettorali: “Dateci qualcosa di pulito dopo tutto questo fango”

SARONNO, 11 marzo 2018-Chiarisco subito che non mi sono iscritto ai Cinque stelle. Quando dico “qualcosa di pulito” non mi riferisco alla fedina penale del singolo. Questo è un ovvio pre-requisito che come tale, nella sua ovvietà appunto, non dovrebbe far parte di un programma elettorale o politico. È pacifico che chi ha una condanna per peculato o per concussione passata in giudicato non debba trovare posto in alcuna lista. Stop.
Mi riferisco invece allo stile furbesco e amorale della politica politicante così come la stiamo vedendo in questi giorni. Abbiamo votato con un sistema elettorale inventato apposta affinché le segreterie dei partiti potessero garantire scranni in parlamento a unti del Signore e loro famiglie

Ed ora vediamo sui media unti del Signore e loro famigli, coi faccioni ridanciani e inverecondi, “ringraziare gli elettori” per l’onore concessogli. Abbiamo visto candidati – sonoramente trombati e ripescati con ignominia e ricollocati su immeritate sedie grazie al predetto sistema studiato apposta – rilasciare interviste invece di sprangare la porta di casa spegnere le luci e chiudersi in un dignitoso silenzio.
Stiamo vedendo segretari di partiti proporre quali ministri del prossimo governo personaggi che non hanno né per studi né per pratica non si dice una competenza, ma nessuna neppure lontana frequentazione della materia ministeriale alla quale verrebbero addetti, e pezzi di partiti idealmente lontanissimi farsi simili a innamorati che si scambiano languide occhiate e appagati sorrisi, mentre il politichese con le sue formule cautelose tutto avvolge e per ovunque tracima, così come la nausea delle persone per bene.
Certo aveva ragione Benedetto Croce quando argomentava che l’attività politica ha una sua specificità, e che non si deve pretendere da un politico la stessa logica che guida il magistrato o il docente. Ma don Benedetto visse altre epoche e conobbe altri uomini. E seppe indignarsi, lui antifascista, quando l’Assemblea Costituente ratificò il trattato di pace impostoci a Parigi dai vincitori nel 1947. Sembrò all’autore dell’ “Estetica in nuce” un gesto di inutile servilismo, e protestò con un memorabile discorso. Nulla in confronto a quanto, redivivo, direbbe oggi.
Alfonso Indelicato
Consigliere comunale eletto a Saronno

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 11 marzo 2018. Filed under POLITICA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.