Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Presentata nuova campagna scavi archeologici a Caravate e Cittiglio con ritrovamenti molto interessanti

CARAVATE, 5 giugno 2018-Si è svolto questa mattina il sopralluogo agli scavi archeologici della Chiesa Medievale di S. Agostino, a Caravate, e alla Necropoli di San Biagio a Cittiglio (Varese), durante il quale sono stati presentati: la nuova campagna di scavi a Caravate; i nuovi ritrovamenti di resti scheletrici in entrambi i siti; un bilancio della attività del Laboratorio di Antropologia fisica; le attività del Centro di Ricerca in Osteoarcheologia e Paleopatologia dell’Università degli Studi dell’Insubria e il progetto di alternanza scuola-lavoro con il Liceo Sereni sede di Laveno.

Scheletri ritrovati a Cittiglio

Al sopralluogo hanno preso parte: il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi dell’Insubria, professor Alberto Coen Porisini; il professor Giovanni Bernardini, direttore del Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della Vita; il professor Giuseppe Armocida, docente di Storia della Medicina; il professor Andrea Spiriti, docente di Storia dell’Arte; la professoressa Ilaria Gorini, docente di Storia della Medicina;  la dottoressa Marta Licata, tecnico del Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della Vita; il presidente del Centro Studi per la Valcuvia G. Peregalli, dottor Gianni Pozzi; il presidente del Gruppo Amici di San Biagio, dottor Antonio Cellina; gli archeologi Daniele Capuzzo e Monica Motto; il consigliere Gaetano Rosnati del Comune di Caravate; gli studenti e i dottorandi dell’Università degli Studi dell’Insubria e dell’Università di Ferrara e gli studenti impegnati nel progetto di alternanza scuola-lavoro della Classe 3 B del Liceo Sereni sede di Laveno.
image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 5 Giugno 2018. Filed under PROVINCIA,Spettacoli&Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.