Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Un ragazzo si è impiccato nella sua stanza, ora si cerca la sua fidanzata scomparsa

Le ricerche sugli argini fiume Adda
ANSA/DANIELE BENNATI

MELZO, 10 giugno 2018-I vigili del fuoco stanno cercando con l’elicottero e i sommozzatori, nei dintorni di Melzo, nel milanese, una ragazza italiana di 21 anni che risulta scomparsa.
L’allarme è stato lanciato dopo che il suo fidanzato, di 31 anni, anche lui italiano, è stato trovato impiccato nel suo appartamento.

Il giovane che si è tolto la vita a Melzo si chiama Manuel Buzzini: è stato rinvenuto cadavere ieri mattina in un cortile di via Mantova, dove abita la nonna, e dove si è tolto la vita impiccandosi. Manuel, 31 anni, operaio, viveva con la fidanzata Sara Luciani, di 10 anni più giovane, a casa dei genitori di lei, da dove i due sono usciti in macchina, con una Golf, la sera dell’8 giugno. Lui poi è stato trovato cadavere la mattina dopo, con gli abiti bagnati, mentre lei è sparita. I carabinieri della Compagnia di Cassano d’Adda, insieme ai vigili del fuoco e alla Protezione Civile, la stanno cercando in zona. La ragazza non risulta essere in possesso di un cellulare. Secondo quanto appurato ai carabinieri, ai famigliari e conoscenti non risultano problemi nella relazione tra i due.

Le ricerche della ragazza e dell’auto del fidanzato si stanno concentrando lungo gli argini del fiume Adda e del canale Muzza e nelle cave adiacenti. Per ora nel canale, all’altezza della centrale idroelettrica di Paullo (Milano), è stato recuperato il paraurti con annessa targa della Golf di Buzzini.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 10 Giugno 2018. Filed under Cronaca,MILANO. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.