Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

A Tradate procede la ristrutturazione del Monoblocco ospedaliero: da giovedì via ai trasferimenti

TRADATE, 3 luglio 2018-Continuano secondo il cronoprogramma i lavori di ristrutturazione all’Ospedale Galmarini di Tradate, frutto di un investimento di oltre 6.200.000 euro.

Da giovedì 5 luglio, per consentire ai lavori di ristrutturazione del secondo piano del Monoblocco di concludersi, scatterà un sistema di trasferimenti ad incastro che riguarderà la sala parto e le sale operatorie di Ostetricia e Ginecologia e il blocco operatorio dell’Ortopedia, il tutto sotto l’attenta supervisione della Direzione Medica di Presidio.

Ai cittadini si chiede solo un po’ di comprensione per qualche inevitabile disagio legato alla presenza del cantiere, visto che questi spostamenti non modificheranno le sedi dei reparti, ma solo l’ubicazione delle sale operatorie. Inoltre, entro settembre, i lavori di questa fase saranno conclusi e ogni attività rientrata nella sua sede originaria, fresca di ristrutturazione.

Complessivamente, la ristrutturazione in corso, avviata nel luglio del 2016, riguarda i piani primo, secondo e terzo del Padiglione Monoblocco.

Grazie a questo intervento, i tre piani non subiranno solo il completo rifacimento di tutti gli impianti, ma sarà migliorato significativamente il comfort alberghiero dei reparti, grazie ad una generale e significativa opera di ammodernamento. Il primo piano, la cui ristrutturazione è già stata ultimata, ospita tutta l’attività di week surgery, trasversale a tutte le specialità chirurgiche. Il secondo piano continuerà ad ospitare l’Ostetricia e la Ginecologia, mentre il terzo piano ospita e tornerà ad ospitare la Pediatria.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 3 luglio 2018. Filed under PROVINCIA,Sanità,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.