Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

A Cittiglio “gnoccata” utile a raccogliere fondi per scavi archeologici

Gli scavi archeologici di Cittiglio

CITTIGLIO, 25 agosto 2018 – Una scorpacciata di gnocchi per sostenere la campagna di scavi archeologici che ha portato alla luce i resti di diciannove persone che hanno vissuto presumibilmente fra l’Ottavo e Sedicesimo secolo.

L’iniziativa, che si svolgerà nel weekend, è organizzata dal Gruppo gli Amici di San Biagio è si svolgerà sotto la tensostruttura del parco comunale in zona stazione. Domenica alle ore 14.30 sarà possibile visitare l’area scavi e i lavori eseguiti all’interno della chiesa di San Biagio che risale all’epoca romana.

I partecipanti all’iniziativa potranno osservare i reperti ossei rinvenuti all’interno della zona scavi, attualmente  in fase di studio a opera di dottorandi e stagisti dell’Università dell’Insubria che a Cittiglio stanno conducendo approfondimenti di Antropologia storica e Paleopatologia.

La gnoccata sarà anche l’occasione per festeggiare il finanziamento ricevuto a luglio alla parrocchia di San Giulio. La fondazione comunitaria del Varesotto infatti, a messo a disposizione cinquemila euro da destinare al completamento delle indagini nell’ultima parte del sagrato ancora da passare al setaccio.

Gli archeologi ritorneranno sul campo ad ottobre, con la speranza di veder affiorare nuovi reperti. Terminati gli scavi bisognerà avviare la riqualificazione del sagrato, per permettere il recupero degli antichi reperti. Il Gruppo Amici di San Biagio, nei prossimi giorni si metteranno in contatto con la Sopraintendenza ai monumenti di Milano per  elaborare il progetto di rifacimento del piazzale. 

Luciano Priori

redazione@varese7press.it

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 25 Agosto 2018. Filed under Arte,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.