Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Addio a Rachel Bland, coraggiosa giornalista della BBC che ha raccontato il suo male incurabile

LONDRA, 5 agosto 2018-Lo aveva annunciato giusto l’altro ieri, in un coraggioso e persino ironico messaggio di saluto agli amici e al pubblico: “Temo sia venuto il momento, mi dicono che mi restano pochi giorni”.

E oggi Rachel Bland, 40 anni, popolare voce radiofonica della Bbc, se n’è andata, sconfitta da un cancro al seno rivelatosi infine incurabile, ma affrontato a occhi aperti e con piglio da cronista. Quasi in presa diretta. La notizia della morte, ormai attesa, è stata confermata dal marito Steve, che in un messaggio ha voluto ricordarla come “una giornalista d’incredibile talento”, ma soprattutto come “una figlia, sorella, zia, nipote, moglie e, ciò che più contava per lei, una madre meravigliosa del piccolo Freddie”. “Noi siamo schiacciati dal dolore, ma come lei avrebbe voluto non posso non ringraziare tutti coloro che hanno partecipato alla sua storia o mandato messaggi di sostegno: non potrete mai sapere quanto abbia significato per lei”, ha aggiunto.

Conduttrice di punta di Radio 5 Live, Rachel Bland si era vista diagnosticare il tumore due anni fa. Le cure erano sembrate poter avere successo, ma poi la malattia è ritornata, più estesa, fino alla condanna finale. Un epilogo vissuto tuttavia con grande spirito, da reporter capace di continuare a lavorare e restare al microfono fino all’ultimo, senza nascondersi e conquistando riconoscimenti unanimi. In particolare dopo aver inaugurato un blog sulla sfida con il male e un podcast intitolato – con spirito tutto britannico – ‘You, Me and Big C”. Dove C stava ovviamente per ‘cancer’. Una sorta di diario pubblico trasformatosi in calamita di solidarietà umana: nelle ultime ore, il più seguito dell’intero Regno.(ANSA)

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 5 settembre 2018. Filed under Cronaca,Esteri,Sanità. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.