Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Due nuovi modelli tattili dell’Isolino Virginia presentati al Museo Tattile

VARESE, 15 ottobre 2018-La serata del 12 ottobre u.s. al Museo Tattile Varese è stata prima di tutto l’occasione per vedere i due nuovi modelli tattili dell’Isolino Virginia, che Giorgio Caporale ha realizzato per conto del Museo, dando vita ad una eccezionale ricostruzione tattile (ma dobbiamo dire anche visiva) di questo troppo spesso ‘trascurato’ sito Unesco, ma è stata anche un’occasione per sentir parlare esperti di differenti discipline su temi che dovrebbero interessare tutti noi.

Abbiamo infatti avuto modo di ascoltare le parole di Carlo Massironi segretario generale di Fondazione Comunitaria del Varesotto, sostenitrice del progetto – che ha descritto non solo quale sia il ruolo delle Fondazioni, ma anche quale sia il fondamentale rapporto che si instaura tra le Fondazioni stesse e gli ambiti territoriali nei quali queste agiscono.

Il presidente dell’Unione Italiana Ciechi di Varese, Gaetano Marchetto ha invece spiegato la rilevanza non solo di questi specifici modelli tattili, ma dell’intero Museo Tattile Varese, come realtà che davvero permette un accesso diverso e trasversale al mondo della cultura, dell’arte e dell’archeologia.

Di massimo interesse è stato poi l’intervento dell’archeologo subacqueo Paolo Baretti che ha illustrato – con una ricognizione a 360° – l’universo palafitticolo dell’area intorno al lago di Varese, introducendo gli spettatori nel complesso e affascinante mondo delle ricerche archeologiche svolte sott’acqua.

Infine Alberto Bertolini e Alessandra Galli hanno raccontato il loro progetto architettonico integrato “NeoVirginia” finalizzato a concedere nuova vita all’intero Isolino Virginia, in un’ottica di bellissima commistione tra natura, archeologia, didattica e divertimento.

Una serata insomma, nella quale la cultura è stata raccontata e condivisa e nella quale la straordinarietà archeologica del territorio varesino sembra avere trovato un nuovo modo per muovere i passi in direzione di un coinvolgimento sempre più ampio di tutte le tipologie di visitatori.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 15 Ottobre 2018. Filed under Arte,Varese,VARESE. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.