Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Varese città sempre più eco sostenibile. De Simone: “Ogni anno miglioriamo grazie alla sensibilità dei varesini”

VARESE, 29 ottobre 2018-  di GIANNI BERALDO

Passi da gigante da parte della città di Varese la quale, nel giro di un solo anno, ha migliorato sensibilmente il proprio ecosistema urbano, pur rimanendo distanti dalle posizioni di vertice (55esima in classifica-più 17%- su 104 città campionate) che vede Mantova come miglior città a livello di eco sostenibilità, seguita da Parma, Bolzano e Trento, queste ultime in realtà non propriamente una novità a livello di vivibilità.

Questa in sintesi la fotografia scattata da Ecosistema Urbano, l’annuale rapporto di Legambiente, giunto alla sua venticinquesima edizione, presentato oggi a Milano e realizzato con il contributo scientifico di Ambiente Italia, la collaborazione editoriale de Il Sole 24 ore e con un contributo di Ispra sui corpi idrici.

Per Varese rimane comunque un ottimo risultato, segnale importante che evidenzia ancora una volta il buon lavoro che in questo campo sta svolgendo l’amministrazione comunale a fronte della consapevolezza e sensibilità da parte dei cittadini che è giunta l’ora di cambiare spendendo bene e meglio le risorse, sprecando meno (acqua soprattutto), maggiore attenzione sulla raccolta differenziata e tipologia di rifiuti,   viaggiando in modo più salutare (bicicletta e altri mezzi alternativi all’auto) rispettando l’ambiente.  Insomma, per rendere Varese una città ancora più vivibile la strada è ancora lunga ma i risultati ottenuti in questi ultimi due anni sono quantomeno incoraggianti. Come sottolinea l’assessore comunale All’ambiente e Benessere Dino De Simone <<Per raggiungere i risultai di Mantova Trento o Bolzano ci vorranno almeno una decina di anni, ma il lavoro che stiamo svolgendo in tal senso è davvero importante. Bisogna valutare i risultati anno per anno in base alle varie progettualità messe in campo. Sul fronte del riciclo e differenziata siamo già a un buon punto (circa il 75% della raccolta rifiuti,ndr), poi bisogna ragionare su altri settori come quello dell’energia su cui stiamo lavorando proprio quest’anno con risultati valutabili appunto l’anno prossimo>>.

L’assessore Dino De Simone

De Simone ricorda inoltre come vi siano in corso altre sperimentazioni  utili a migliore l’ecosistema urbano,  come la Zona 30 o la depurazione delle acque non completamente a regime in alcune zone della città.

Tutto questo potrebbe di fatto incrementare la classifica della città <<Fa piacere fare anche questo tipo di valutazioni diciamo  ludiche e simpatiche con classifiche eccetera, ma quello che conta è che oggi ogni cittadino comprenda l’importanza di creare un sistema che sia funzionale al vivere bene e meglio>>, conclude l’assessore varesino.

Più in generale è principalmente l’Italia tutta che fa, che fa bene e spende bene le sue risorse, che si evolve e pianifica le trasformazioni future, che non s’accontenta dello scenario contemporaneo, che in uno o più ambiti produce ottime performance o raggiunge l’eccellenza. 

<<Le città devono diventare sempre di più le protagoniste del cambiamento – dichiara Barbara Meggetto, presidente Legambiente Lombardia – perché possono incidere con forza ed efficacia sulla trasformazione ecologica della società. Le buone pratiche esistenti dimostrano quale sia la strada, ma è necessario metterle a sistema. Anche in Lombardia accanto a scelte politiche lungimiranti ci sono ancora resistenze e lentezze>>.

direttore@varese7press.it

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 29 ottobre 2018. Filed under Sociale,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.