Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Pietro Bartolo al Santuccio di Varese racconta il mestiere di medico in prima linea

VARESE, 7 novembre 2018-Importante appuntamento venerdì 16 novembre al Teatro Santuccio di Varese alle ore 21 organizzato dal Centro Gulliver. Avremo la possibilità di avere con noi Pietro Bartolo, medico di Lampedusa, che ci racconterà della sua esperienza di medico in prima linea. Un’esperienza di accoglienza e cura. 

Avere la fortuna di incontrare un testimone  permette di leggere la realtà in modo nuovo, generando cultura in chi ascolta. Un’occasione di alto valore per tutti, uno stimolo per aprire le menti con intelligenza e senso critico, un aiuto a porsi le domande giuste, in un periodo storico dominato troppo spesso da visioni superficiali ed ideologiche.

Evento organizzato dal Centro Gulliver di Varese, con il patrocinio dell’Università dell’Insubria e del Comune di Varese e con la collaborazione della libreria Mondadori di Varese e di VareseNews, media partner dell’evento.

Ingresso gratuito, prenotazioni su Eventbrite

https://www.eventbrite.it/e/biglietti-le-stelle-di-lampedusa-incontro-testimonianza-con-pietro-bartolo-51707145464 

Un nave piena di naufraghi disperati? Di solito, ragionò, i bambini di quell’età arrivano qui in Italia accompagnati dai genitori, o da un amico di famiglia o da qualche altro adulto conosciuto lungo il viaggio. Allo stupore di quel primo istante seguì una certezza: l’arrivo a Lampedusa per Anila non era la fine di un lungo viaggio ma solo una tappa intermedia, un nuovo punto di partenza verso il suo vero obiettivo, trovare la mamma «da qualche parte in Europa» e salvarla.

Da tutto. Dalla prostituzione, dal vudù africano che la teneva in scacco, dalla non meno malefica burocrazia occidentale, ma soprattutto dai suoi stessi sensi di colpa.

Pietro Bartolo accetta di accompagnare Anila lungo questo suo nuovo percorso. E, attraverso i suoi occhi neri e profondissimi, si proietta dentro l’interminabile incubo dei tanti migranti bambini che negli anni sono arrivati – da soli – sulle coste italiane: la miseria di Agades, la traversata del deserto, gli orrori delle carceri libiche, il terrore del naufragio nelle acque gelide di un Mediterraneo invernale e ostile.

A metà strada esatta tra un romanzo di formazione e un documentario, queste pagine ci permettono di toccare con mano, di scoprire in prima persona che cosa c’è davvero dall’altra parte dell’«allarme immigrazione», quello che troviamo rilanciato negli slogan più beceri di questo medioevo permanente in cui la politica ci ha catapultati.

Un libro per capire l’importanza di essere testimoni. Perché, alla fine, l’unico pericolo che corre davvero la nostra civiltà davanti al tumultuoso flusso migratorio di quest’epoca è quello dell’incomprensione e della stupidità.

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 7 novembre 2018. Filed under Sociale,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.