Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Dalla regione fondi per famiglie che necessitano di badanti: criteri e selezione decisi dalla Ats

VARESE, 8 dicembre 2018- Un bonus economico  per un totale di 3 milioni di euro, come fondo perduto da assegnare  alle famiglie che assumono assistenti familiari (meglio conosciute come badanti); fondi da erogare pure ai Comuni lombardi  per orientare i cittadini nella ricerca di queste figure professionali.

Inoltre, ulteriori 1,5 milioni saranno destinati a iniziare la sperimentazione del “Fattore famiglia lombardo”. Fondi deliberati ieri dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore alle Politiche per la Famiglia, Genitorialità e Pari opportunità Silvia Piani, di concerto con l’assessore alle Politiche sociali, abitative e Disabilità Stefano Bolognini.

POTENZIARE SPORTELLI INFORMATIVI E SOSTENERE FAMIGLIE – «Il nostro obiettivo – ha dichiarato Silvia Piani – è sostenere gli sportelli informativi territoriali per orientare e assistere i cittadini nella ricerca e nella selezione dell’assistente familiare e favorire le famiglie con un bonus che abbatta i costi delle trattenute previdenziali (massimo 50 per cento) sulla retribuzione dell’assistente familiare».
Al bonus si potranno aggiungere altri soldi. Esempio tipico  quello relativo a  una famiglia che riceve un aiuto per l’anziano o la persona disabile: se rientra nei requisiti richiesti, potrà beneficiare appunto di ulteriori risorse economiche.


RISORSE E DESTINATARI – I tre milioni di euro del bonus assistenti familiari sono così suddivisi:
– 900.000 euro per gli ambiti territoriali dei comuni;
– 2,1 milioni per i datori di lavoro dell’assistente familiare, componenti di famiglie vulnerabili, cioè con persone fragili, non obbligatoriamente conviventi, che abbiano:
– ISEE uguale o inferiore a 25.000 euro;
– contratto di assunzione dell’assistente familiare;
– residenza in Lombardia da almeno 5 anni.
SPORTELLI INFORMATIVI TERRITORIALI – «Per arrivare a questo obiettivo – conclude Piani – riteniamo essenziale avviare o potenziare le attività degli sportelli informativi e dei relativi registri territoriali per orientare e assistere i cittadini nella ricerca e nella selezione degli assistenti familiari, informando loro sulla possibilità di accedere agli interventi di sostegno economico. Vogliamo cioè favorire un incontro regolato (che superi il lavoro in nero) tra domanda e offerta così da garantire servizi qualificati, valorizzando e sostenendo il lavoro di assistenza e di cura che svolgono».

BUDGET ASSEGNATI ALLE ATS – Il compito di ripartire le risorse, verificare i requisiti degli sportelli e liquidare i contributi è stato affidato alle Agenzie di tutela della salute (Ats) cui sarà assegnato un budget in base ai dati Istat della popolazione over 65 anni residente in ogni territorio.
PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE – Le domande dovranno essere presentate a sportello attraverso il sistema regionale bandi online, ex SIAge. Agli ambiti territoriali dei comuni il contributo sarà erogato in due rate (anticipazione e saldo); alle famiglie in un’unica soluzione, dopo la presentazione della documentazione che attesta l’effettivo sostenimento del costo e la positiva valutazione dei requisiti previsti.

redazione@varese7press.it

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 8 Dicembre 2018. Filed under Sanità,Sociale,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.