Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Morta donna investita in via XXV Aprile. Il sindaco Galimberti: “Bisogna guidare senza distrazioni”

Il luogo dell’incidente (foto Varesenews)

VARESE, 9 gennaio 2019- E’ morta nonostante gli immediati soccorsi del 118- giunti con un’autoambulanza e auto medica- e di agenti di polizia della vicina questura sopraggiunti ancora prima con un defibrillatore.

La situazione era parsa drammatica fin dal primo momento quando, verso le 7 di questa mattina, una donna di 69 anni è stata investita da un’auto Smart nella trafficata via XXV Aprile (dove si trova la contestatissima via ciclabile) zona dove si trovano i principali Istituti Scolastici Superiori, quindi via altamente frequentata anche dagli studenti.

L’impatto con l’utilitaria proveniente dalla rotonda che delimita la questura, ha sbalzato la vittima per diversi metri, impatto talmente violento (scarpe e altri accessori si trovavano infatti distanti rispetto al corpo)  che non ha lasciato scampo alla donna.

Una tragedia la quale il sindaco Galimberti ha dichiarato:

“Voglio innanzitutto rivolgere un pensiero e le mie condoglianze alla famiglia della signora deceduta questa mattina nell’incidente stradale. Ma i fatti di oggi devono risvegliare le coscienze di tutti sulle responsabilità che abbiamo quando siamo alla guida di un auto – afferma il sindaco – Se vogliamo condividere serenamente gli spazi della nostra città ed evitare che questi incidenti si verifichino dobbiamo fare tutti la nostra parte. L’alta velocità in centro urbano, la guida distratta o peggio ancora con l’utilizzo di cellulari e apparecchi elettronici che abbassano la nostra concentrazione, rendono gli automobilisti un pericolo per se stessi e per gli altri”.

redazione@varese7press.it

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 9 Gennaio 2019. Filed under Cronaca,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.