Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Giocatori e presidente del Varese ricevuti dal sindaco Galimberti: nel frattempo porte chiuse al Franco Ossola

VARESE, 12 gennaio 2019- di GIANNI BERALDO-

Non sappiamo quanto sia stato risolutivo l’incontro tra il sindaco Davide Galimberti una rappresentanza di giocatori del Varese-accompagnati dal presidente Claudio Benecchi; che oggi a mezzogiorno sono stati ricevuti a Palazzo Estense.

La cosa certe e’ che- almeno domenica pomeriggio-i biancorossi scenderanno in campo (a Lavena Ponte Tresa visto che per loro il Franco Ossola sara’ out) regolarmente dopo avere minacciato di abbandonare il campionato per non avere ricevuto regolari emolumenti da qualche mese.

Il sindaco Galimberti con il presidente Benecchi

Visi seri e imbronciati i giocatori sono stati accolti dal sindaco con un caloroso e accogliente saluto, Galimberti  ha ascoltato privatamente nel suo ufficio (con il vice sindaco e grande tifoso biancorosso Daniele Zanzi e l’assessore allo sport Dino De Simone) le istanze dei biancorossi accompagnati, oltre che dal presidente anche dal general manager Silvio Papini , ma pure dall’ex parlamentare Daniele Marantelli anch’egli tifoso biancorosso chiamato in causa dall’amico Papini, a sostegno della causa.

Un incontro in realta’ meramente istituzionale, nel senso che poco (se non nulla) potra’ fare il massimo rappresentante dell’amministrazione comunale se non prendere atto dell’ennesima disastrata situazione di questa tormentata societa’, che oramai da anni sopravvive a fatica nelle categorie dilettantistiche (ricordiamo che il Varese attualmente partecipa al campionato di Eccellenza) senza piu’ un futuro su cui puntare per progetti seri di rilancio.

direttore@varese7press.it

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 12 Gennaio 2019. Filed under Sport,Varese,VARESE. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.