Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

I Pronto Soccorso degli ospedali varesini individuati come ad alta specializzazione

Il Pronto Soccorso è sempre stata un’area critica

VARESE, 8 febbraio 2019-Regione Lombardia ha individuato gli Ospedali sede di un Dipartimento di Emergenza e Accettazione di II livello, ovvero di un Pronto Soccorso di alta specializzazione, in grado di rispondere alle necessità di intervento caratterizzate da massima complessità.

Tra questi anche i Pronto Soccorso dell’Ospedale Circolo e Del Ponte di Varese.
I quali, ricordiamo, entro il prossimo mese di luglio verranno dotati di un sistema di allarme (pulsante rosso), riservato al personale sanitario e collegato direttamente con la Questura, in caso di situazioni emergenziali che potrebbero mettere a rischio l’incolumità degli operatori sanitari.
La rete ospedaliera dell’emergenza è infatti costituita da strutture di diversa complessità assistenziale che si relazionano secondo il modello hub and spoke. In particolare, sono individuati quattro livelli di operatività:
– Ospedale sede di Pronto Soccorso;
– Presidi ospedalieri in zone particolarmente disagiate;
– Ospedale sede di D.E.A. di I Livello (spoke); 
– Ospedale sede di D.E.A. di II Livello (hub);
 
Con la delibera XI / 1179 del 28/01/2019, Regione Lombardia ha indicato l’Ospedale di Circolo di Varese e, per la parte ginecologica e pediatrica, l’Ospedale Del Ponte come sede di D.E.A. di II livello.
Nel dettaglio, un DEA di II livello esegue tutti gli interventi previsti nell’ospedale sede di D.E.A. di I livello ed è sede di discipline di riferimento per le reti delle patologie complesse. Effettua, oltre agli interventi previsti per il D.E.A. di I livello, le funzioni di accettazione in emergenza-urgenza per il trattamento delle patologie acute ad elevata complessità, in particolare per quanto attiene alle alte specialità o alle specialità che fanno riferimento a centri regionali o sovra regionali.
Inoltre, serve un bacino di utenza compreso tra 600.000 e 1.200.000 abitanti e deve essere dotato di strutture quali la Cardiologia con emodinamica interventistica h. 24, la Neurochirurgia, la Cardiochirurgia e Rianimazione cardiochirurgica, la Chirurgia Vascolare, la Chirurgia Toracica, la Chirurgia Maxillo-facciale, la Chirurgia plastica, l’Endoscopia digestiva ad elevata complessità, la Broncoscopia interventistica, la Radiologia interventistica, la Rianimazione pediatrica e neonatale, la Medicina Nucleare e altre eventuali discipline di alta specialità. Devono inoltre essere presenti h.24 i Servizi di Radiologia con almeno T.A.C. ed Ecografia, Laboratorio, Servizio Immunotrasfusionale. 
image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 8 Febbraio 2019. Filed under Sanità,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.