Immigrati e rifugiati gay, da oggi programma Migranet di Arcigay Varese

VARESE, 14 marzo 2018-Da anni, Arcigay si batte per tutelare i diritti degli immigrati LGBTI+, in particolare dei richiedenti asilo e rifugiati politici, spesso perseguitati nei loro Paesi a causa del loro orientamento sessuale o della loro identità di genere.

In questo senso, è stato recentemente creato il programma Migranet con l’obiettivo di mettere in rete il sistema degli sportelli per richiedenti asilo LGBTI+ in un’ottica interculturale.

L’ambizione di Migranet è quella non solo di formare nuovi volontari ed aprire nuovi sportelli per accogliere ed assistere i richiedenti asilo LGBTI+, ma anche di migliorare l’accoglienza abitativa degli stessi negli SPRAR e nei CAS e di favorire la loro integrazione con la realtà ove si trovano a vivere.

Inoltre, Migranet si propone di migliorare la conoscenza e il dialogo interculturale tra richiedenti asilo LGBTI+ e comunità LGBTI+ in un’ottica di welfare generativo.

Arcigay Varese, in particolare, già da tempo si occupa di tutelare, attraverso un apposito sportello, i richiedenti asilo LGBTI+: a tal proposito, di recente è stato riconosciuto, anche grazie all’impegno dell’associazione, lo status di rifugiato ad un giovane immigrato africano scappato dalle discriminazioni subite nel suo Paese di origine.

Il programma di formazione Migranet, infatti, destinato a volontari ed operatori dell’accoglienza, si terrà a Varese il 16 e il 17 marzo, dalle 9 alle 18, presso la Cooperativa di Biumo e Belforte: il corso è gratuito e affronterà temi come la questione dei migranti LGBTI+ in termini normativi, il ruolo di Arcigay, l’identità di genere e l’orientamento sessuale e la storia delle migrazioni in Italia.

Per maggiori informazioni e iscrizioni è possibile consultare il sito www.arcigayvarese.it/migranet