Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“Ora basta! Salvate il nostro Pianeta”, centinaia di studenti varesini in corteo a Milano per il Global Strike for Future

MILANO, 15 marzo 2019- di GIANNI BERALDO-

La testa del corteo a Milano

Ha preso il via verso le 9 il Global Strike for Future, la grande manifestazione in corso questa mattina a  Milano-così come in centinaia di altre città di tutta Europa- per alzare la soglia di attenzione inerente la salvaguardia ambientale del pianeta.

<<Ora basta, la Terra sta morendo, noi dobbiamo fare qualcosa e subito>>, questo il grido di allarme delle migliaia di partecipanti, (gran parte studenti comprese intere scolaresche delle scuole Primarie), che fin dalle 8.30 di questa mattina hanno invaso piazza Castello, logo di ritrovo della manifestazione.

Tra loro anche diversi studenti in rappresentanza di alcuni istituti scolastici varesini.

Studenti varesini al ritrovo in Piazza Castello

Lungo corteo che si sta dirigendo verso le vie principali della città per arrivare a Piazza Duomo.

Slogan, striscioni e cartelli scritti a mano su cartonati improvvisati, questa la voce di tantissimi ragazzi ai quali non solo non si potrà garantire un futuro lavorativo ma nemmeno (questo ancora più grave) un pianeta vivibile sotto il profilo ambientale.

Una giornata dove verranno ribaditi concetti principali come l’assenza totale di politiche ambientali (Italia compresa) e la scarsa volontà di applicarle in futuro.

Ricordiamo che il Global Strike for Future è una grande mobilitazione che fa seguito ai #fridaysforfuture, nati dalla protesta della sedicenne Greta Thunberg a Stoccolma in occasione della scorsa COP24, che ha riscosso ampia adesione in Italia.

redazione@varese7press.it

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 15 Marzo 2019. Filed under MILANO,Sociale,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.