Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

I Giovani della Lega sulla serata Zanotelli-Lucano: “Quel sindaco non è l’esempio da seguire”

Tantissima gente all’incontro con Zanotelli e Lucano

VARESE, 10 aprile – «Non vedo per quale motivo si dovrebbe prendere a modello un Comune in dissesto finanziario e non capisco dunque la volontà di celebrare un sindaco che ha riempito di debiti i suoi concittadini per portare avanti la sua propaganda immigrazionista».

Così Davide Quadri, Coordinatore provinciale della Lega Giovani di Varese, in riferimento alla presentazione della fondazione “È stato il vento” – svoltasi ieri sera nel Salone Estense del Comune di Varese – da parte del sindaco di Riace Domenico Lucano e del frate comboniano Alex Zanotelli.

«Del resto» spiega Quadri «è evidente la differenza tra il nostro modo di fare politica e quello di questa sinistra: noi giriamo la penisola in lungo e in largo per ascoltare i problemi della gente, loro vengono a farci le “lezioncine morali” via Skype. Eppure, pur in disaccordo sui contenuti, nessuno ha voluto causare alcuna turbativa all’evento. Secondo voi, i sedicenti democratici si sarebbero comportati nello stesso modo a parti invertite?».

Anche Stefano Angei, Coordinatore cittadino Lega Giovani Varese interviene sulla questione: «Mimmo Lucano è l’emblema di quella politica che ha portato al collasso il sistema socio-culturale di questo paese, un sistema che è fallito il 4 marzo scorso e che verrà completamente sepolto alle elezioni europee di maggio». Angei inoltre sottolinea che «il popolo si è finalmente svegliato e sta riscoprendo l’orgoglio di appartenere al proprio territorio e di difendere la propria cultura. Non c’è quindi più margine per certe persone che continuano a combattere contro la propria gente».

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 10 Aprile 2019. Filed under POLITICA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.