Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Ci scrivono: “Palazzo Verbania di Luino deve essere aperto a tutti”

Palazzo -verbania-luino

Palazzo Verbania a Luino

LUINO, 14 maggio 2019- Leggo dalla stampa che l’accordo tra il Comune di Luino e il privato che gestirà alcuni spazi di Palazzo Verbania vieta lo svolgimento di manifestazioni e funzioni religiose all’interno della sala conferenze e del salone al piano terra.

Ho molto da obiettare per questa scelta, che reputo sbagliata e per certi aspetti persino venata di laicismo.

Partiamo dalla nostra Carta Costituzionale, che all’articolo 8 afferma:”Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge” e al 19 recita: “Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume.”

È vero che il Palazzo non è più demaniale, ma è pur sempre un luogo aperto al  pubblico per manifestazioni rivolte alla collettività, e quindi questa norma svantaggia i credenti, a qualunque fede essi appartengano.

Faccio un esempio: due anni fa, in occasione della venuta della Madonna di Fatima a Luino, decine di migliaia di fedeli vennero a Luino (tra l’altro con ricadute ottime sulla nostra economia cittadina) per questo significativo momento di fede e devozione che durò una settimana, vi furono processioni e una stupenda messa al Parco a Lago in una domenica baciata dal sole.

Bene, oggi, con questo regolamento, una messa non si potrebbe svolgere a Palazzo Verbania.

Trovo questo fatto una limitazione della libertà di manifestare il proprio sentimento religioso, che accomuna molti uomini e donne.

Inoltre, vi sono confessioni (penso all’Islam) che non hanno un luogo di culto a Luino in cui pregare.

Non è che questa sia una malcelata “norma anti-moschea”, che però danneggia tutte le confessioni religiose?

Tra l’altro, sarebbe il caso di aprire in città una discussione seria, franca e non ideologia se sia corretto o meno concedere ai fedeli islamici un luogo di culto.

Da fedele laico, dunque cattolico ma anche amante delle libertà in tutte le sue manifestazioni, chiedo al sindaco e alla giunta del Comune di Luino di cancellare questa norma.

Alessandro Franzetti

Già Presidente del Consiglio Comunale di Luino

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 13 Maggio 2019. Filed under Lettere Al Direttore,PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.