Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Ballottaggi a Malnate, i dubbi di Marco Damiani (FI): ”Noi fedeli alleati ma vogliamo chiarezza sulle future nomine”

MALNATE, 4 giugno 2019- di GIANNI BERALDO-

Marco Damiani al seggio nel primo turno elettorale

Nonostante trapeli una certa amarezza nelle sue parole Marco Damiani, Capogruppo in consiglio comunale per Forza Italia a Malnate, non si scoraggia e rilancia il tema della correttezza e lealtá politica bei confronti degli alleati della Lega.

Alleanza messa in atto anche durante il primo turno delle elezioni amministrative, concordando pieno appoggio alla candidata sindaco della Lega-Daniela Gulino- insieme a Fratelli d’Italia. 

In caso di vittoria elettorale gli accordi prevederebbero la presidenza del Consiglio comunale e un Assessorato a rappresentanti di  Fratelli d’Italia, mentre a Forza Italia andrebbe il ruolo di Vice sindaco con deleghe alle opere pubbliche, alla polizia locale, mobilitá e lavoro.

Questo prima della nota vicenda riguardante il coupe de teatre relativo al tentativo di apparentamento tra Lega e  la maggioranza del gruppo M5S, coordinato da Giovanni Gulino (tra l’altro padre della candidata per il centrodestra).

Fatti che fino ai ieri avevano scombinato tutti i piani pregressi da parte dei componenti la coalizione, suscitando le ire degli alleati cosí come dei vertici di M5S.

Querelle poi conclusasi definitivamente in tarda serata di ieri,  grazie a un intervento risolutivo del Vice Premier Luigi Di Maio che ha dettato legge  «nemmeno a Malnate sono previsti apparentamenti», convincendo di fatto i ”dissidenti” pentastellati ad abbandonare l’idea decretandone forse la loro fine politica sul territorio malnatese.

Daniela-Gulino

Daniela Gulino candidata sindaco per la Lega

«Pur non capendo il tentativo della Lega di coalizzarsi anche con M5S nonostante le garanzie esternate a suo tempo dal segretario provinciale Matteo Bianchi, il quale comunque ci ha sempre sostenuto promettendoci alcuni ruoli in ambito amministrativo, noi continueremo a essere alleati anche per questo ballottaggio, sostenendo la candidata Gulino». Cosí Damiani il quale addirittura invita a Malnate Silvio Berlusconi perché «il nostro esempio di lealtá a livello di coalizione e alleanze sia un modello anche a livello nazionale».

Il capogruppo malnatese di Forza Italia in realtá ha mal digerito questa sorta di ”affronto” messo in atto dalla Lega «tutto il nostro sostegno a Daniela che si é trovata nella difficile posizione di candidata all’ultimo momento dopo la tragica dipartita di Pavesi, ma dopo quello che é successo forse sarebbe adottare  maggiore chiarezza nei confronti dei cittadini cosí come nei nostri. A questo punto vorremmo che la candidata sindaco confermasse gli accordi presi a priori nei nostri confronti, oltre a rendere pubblica l’eventuale squadra di governo».

In attesa di chiarimenti da una parte e dell’altra da parte dei partiti alleati nel centrodestra, l‘avversario della coalizione opposta-Irene Bellifemmine-vuole giocarsi la partita  fino all’ultimo voto (ricordiamo che al primo turno ha vinto con uno scarto di oltre 700 voti), mettendo in campo tutta la sua squadra centellinando consensi porta a porta baypassando di fatto le asettiche modalitá relazionali tipiche dei social.

Quale sia la strategia vincente la sapremo domenica sera dopo il voto.

direttore@varese7press.it

 

 

image_pdfimage_print
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 4 Giugno 2019. Filed under POLITICA,PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.