Biopiattaforma Sesto San Giovanni: al via seconda fase processo partecipativo

Biopiattaforma-sesto-san-giovanniSESTO SAN GIOVANNI, 11 giugno 2019-La Biopiattaforma di Sesto San Giovanni entra nella seconda fase del processo partecipativo. Il progetto di simbiosi industriale che unirà in un polo green e carbon neutral altamente innovativo il depuratore di Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitano di Milano, e il termovalorizzatore CORE S.p.a., Consorzio Recuperi Energetici, si avvarrà dei RAB (Residential Advisory Board), organismi consultivi di cui saranno parte attiva i rappresentanti delle istituzioni, dei cittadini, dei comitati, delle aziende e delle associazioni del territorio.I RAB saranno presentati ufficialmente in un incontro aperto a tutta la cittadinanza, previsto per fine giugno: avranno il compito di seguire l’intero iter del progetto e di rappresentare un organo consultivo, di monitoraggio e di scambio informazioni nell’ambito di tutte le scelte e le fasi del progetto.

Il nostro obiettivo è che il territorio sia parte attiva del progetto della Biopiattaforma di Sesto, che intende essere un luogo d’innovazione e sostenibilità nato anche dal confronto con i cittadini e le istituzioni locali, commenta Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP. Saranno proprio i comitati consultivi a garantire il rapporto di ascolto, di continuità e condivisione nel lungo termine”.

Sono già cominciati da parte di Nimby Forum, think tank che in Italia annovera i più importanti progetti di consensus building e stakeholder engagement, gli incontri informativi e di consultazione dedicati ad alcune categorie di interlocutori strategici per raccontare dinamica, percorso e obiettivi della seconda fase e coinvolgere attivamente i player locali nel processo consultivo.

L’incontro di fine giugno sarà l’occasione per Nimby Forum di presentare al pubblico alcune delle più illustri best practice di Comitati consultivi e Residential Advisory Board che hanno caratterizzato a livello nazionale esperienze nate con il medesimo obiettivo.

Quando nel 2016 abbiamo dato inizio a questo progetto, pensando di rispondere alla sfida di sostenibilità a partire dalla consapevolezza del “fine vita” dell’attuale impianto di termovalorizzatore di rifiuti, avevamo pensato di farlo in modo efficace e innovativo, insieme a CAP, spiega Marco Cipriano, Amministratore Unico di CORE S.p.a. Era un progetto ambizioso, che oggi è arrivato a buon punto, anticipando il futuro nell’ottica di una vera economia circolare. Ascoltando i cittadini, e mantenendo i posti di lavoro, con il progetto Biopiattaforma abbiamo dimostrato la capacità delle aziende pubbliche di essere all’avanguardia nella sfida per la tutela dell’ambiente“.

“Prosegue con soddisfazione, commenta il Sindaco di Sesto San Giovanni Roberto Di Stefano, il percorso partecipativo che porterà alla realizzazione della BioPiattaforma. Questo processo continua a essere fortemente condiviso e coinvolge la cittadinanza nella sua evoluzione e nei nuovi appuntamenti previsti. Siamo lieti che il territorio sia stato ascoltato e che il confronto abbia portato, e siamo sicuri ancora porterà, a un approfondimento rilevante di vari aspetti essenziali di questo importantissimo progetto.”