Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Sindacati varesini a confronto: “Incidenti e morti bianche, vero bollettino di guerra”

GAZZADA SCHIANNO, 5 luglio 2019-Affollato l’attivo dei delegati e dei lavoratori sul fronte della sicurezza e contro gli incidenti sul lavoro. E’ stato organizzato in modo unitario da Cgil, Cisl, Uil a Villa Cagnola, una giornata per ribadire un impegno forte su quello che è diventata una vera emergenza sul nostro territorio. Molti i lavoratori intervenuti che hanno sottolineato come i numeri e le percentuali su incidenti e morti bianche sembrano descrivere un “bollettino di guerra”.

Grande l’allarme lanciato dalla Cgil di Varese. Umberto Colombo, segretario generale della Cgil di Varese, presente in sala, dichiara: “Per agire e a ridurre infortuni sul lavoro e malattie professionali è necessario che tutti gli attori della sicurezza agiscano in sinergia.

Per quanto riguarda le imprese occorre che si passi da un rispetto formale della legge ad una sua applicazione sostanziale: insomma, non serve più solo un’applicazione burocratica delle normative, ma occorre che le imprese investano sulla prevenzione. Più in generale, sindacati e imprese devono  agire sulla leva della prevenzione.

Ma parliamo del sindacato: è necessario che il sindacato continui l’attività del dipartimento unitario. La battaglia per la sicurezza non può vedere impegnati  non solo Rls ma anche Rsu e tutto il sindacato deve impegnarsi perchè la prevenzione sia sempre di più una priorità  dell’azione sindacale. Occorre che il sindacato riaffermi la centralità della organizzazione del lavoro: proprio se si agisce e si migliora l’organizzazione del lavoro si possono avere ricadute positive sulla sicurezza”.

Umberto Colombo

Fa eco Roberta Tolomeo, responsabile sicurezza per la Cgil di Varese: “Abbiamo organizzato questo attivo soprattutto per richiamare l’urgenza di fare seriamente la prevenzione, un tema fondamentale che va rilanciata e sostenuta in ogni luogo di lavoro”.

All’incontro di Gazzada è intervenuta anche Santa Picone, direttrice Inail Varese: “Voglio ricordare che la prevenzione non è un costo: il vero costo è l’infortunio. Investire in prevenzione è un investimento L’impegno delle istituzioni deve essere quello di potenziare e rendere più efficace la rete di tutte le realtà impegnate sulla sicurezza”.

image_pdfimage_print
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 5 Luglio 2019. Filed under Economia,Sociale,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.