Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il Consiglio Regionale non vota progetto di legge che prevedeva divieto di realizzare discariche al Parco Campo dei Fiori

VARESE, 9 luglio 2019- Colpo di scena oggi durante  Consiglio Regionale dove all’ordine del giorno vi era la votazione di un progetto di legge (primo firmatario Carlo Borgehtti del Pd), contenente nuove norme di tutela dei PLIS (i Parchi lombardi di interesse sovracomunale) la quale, nello specifico, prevedeva che negli stessi parchi non vi fosse la possibilitá in futuro di realizzare discariche e impianti di trattamento rifiuti dentro le aree di interesse naturalistico.

Ebbene la votazione all’ordine del giorno, dopo l’apertura del Presidente della Commissione Ambiente Riccardo Pase e dell’Assessore Raffaele Cattaneo, é stata ritirata poco prma del Consiglio annunciando la loro disponibilità a discutere e confrontarsi sulla salvaguardia di queste aree naturalistiche in occasione della discussione dell’atto di indirizzo per l’aggiornamento del Piano di gestione dei rifiuti, previsto entro fine mese.

Nonostante queste rassicuazioni Borghetti non l’ha presa bene dichiarando «Un’occasione persa per il Consiglio regionale che ha rinunciato a svolgere il proprio ruolo di indirizzo verso la Giunta e ha rinunciato a votare un provvedimento che aveva già avuto parere favorevole da parte dei Comuni (Anci), delle Province (Upl) e di Federparchi».

Buone notizie invece fronte Parco Campo dei Fiori che si vde aumentata la superficie verde di 40 ettari comprendendo i Comuni di Casciago e Luvinate, aree caratterizzate dalla presenza di prati e boschi lungo il torrente Tinella che collegano tra loro l’ambiente del massiccio del Campo dei Fiori, l’ambiente lacuale e l’asse del fiume Ticino verso sud.

redazione@varese7press.it

 

 

 

 

 

image_pdfimage_print
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 9 Luglio 2019. Filed under Sociale,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.