Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il cantautore Pacifico giovedì apre la rassegna teatrale Scenaperta Off con lo spettacolo “Boxe a Milano”

CARDANO AL CAMPO, 30 novembre 2011 – Un ospite di prestigio per la “prima” stagionale di Scenaperta Off, la rassegna teatrale che il Comune di Cardano al Campo ripropone quest’anno in collaborazione con il Circuito Scenaperta-Polo Teatrale dell’Altomilanese, nella convinzione che nonostante le ristrettezze ai bilanci ci debba sempre essere spazio per la cultura di qualità.

In scena il noto cantautore milanese Pacifico, con il suo spettacolo “Boxe a Milano” del Teatro Stabile dell’Umbria: l’appuntamento è per giovedì 1 dicembre alle 21 sul rinnovato palcoscenico della Sala Sandro Pertini di via Verdi2 a Cardano al Campo.

Così lo spettacolo “Boxe a Milano” nelle parole dello stesso Gino De Crescenzo, in arte Pacifico:

«Ho scritto una canzone, tre anni fa circa.

Un ricordo della Milano che era negli occhi dei miei genitori campani appena arrivati, giovani e combattivi, sballottati nel flusso della corrente migratoria. Nella canzone c’è Milano sullo sfondo e il pugilato davanti, come nell’impareggiabile Rocco e i suoi fratelli, un pugile seduto tra un round e l’altro con alle spalle la proiezione del naviglio e della stazione centrale.

Questa canzone, e io non lo sapevo, scavava una strada che portava a teatro dove avrei incontrato Agostino Sella, un tizio normale che perde la memoria dopo un violento trauma, viene coinvolto in una rissa violenta e senza motivazione.

Agostino si rifugia in un magazzino nel retro della piccola tipografia di famiglia, non ha più memoria ma si circonda di tutta la memorabilia di famiglia, vecchi marchi commerciali, targhette e decalcomanie, materiale accumulato dal nonno e dal padre negli anni. E si sospende lì, fuori dalla cadenza sveglia, spazzolino, colazione, ritmo svogliato e costante del lavoro, due telefonate, un po’ di tv come sonnifero o una pagina e mezzo di libro.

E’ “fuori” dalla corsa, e senza memoria, quindi candido, non contaminato da pregiudizi e veleni pregressi.

E tutti vanno a trovarlo, e tutti finiranno per confidarsi, in questo magazzino pieno di ombre e profili inusuali.

Non è un racconto sportivo e la boxe ci entra a stento. E’ un racconto sulla boxe “condominiale”, di strada, di quartiere, di pianerottolo..quella cui siamo chiamati tutti appena ritorniamo dal sonno. E’ un racconto sui piccoli stratagemmi che ognuno affina per resistere al desiderio di mollare tutto, per allontanare la paura di non farcela».

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 30 Novembre 2011. Filed under Spettacoli&Cultura,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.