Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Giovani FLI Varese:” La Lega ora salva anche gli affiliati alla camorra”.

Varese, 12 gennaio 2012– Nel giorno in cui, per l’ennesima volta, Umberto Bossi ha svenduto il credo dei suoi elettori a Silvio Berlusconi e ai suoi interessi privati, per l’ennesima volta, Roberto Maroni ha dismesso i panni del leone per rivestire quelli del vitello mansueto e ai proclami di coerente impegno legalitario ha fatto seguire una prudente diserzione, per l’ennesima volta i voti dei parlamentari leghisti (e in qualche caso le loro assenze strategiche), sono risultati decisivi per “salvare” o – non mi piace “salvare”- meglio, garantire l’impunità a Nicola Cosentino, accusato di essere il referente politico del clan dei Casalesi, più che alle vittime dei soprusi della criminalità organizzata, che oggi esce rafforzata dal voto di un parlamento che palesemente non rappresenta più gli italiani, più che alla casta, che oggi festeggia sguaiatamente chiudendosi a riccio ancora una volta e continuando il suo andare a picco nella credibilità dei cittadini, ebbene oggi il nostro pensiero va ai tanti giovani attivisti della lega nord, nostri coetanei, che conosciamo, con cui alle volte ci scontriamo, ma che rappresentano in ogni caso una realtà giovanile non di plastica, ma viva ed operante sul territorio, e che rispettiamo.

Cari giovani padani varesini, era per salvare gli affiliati alla camorra che volete entrare nelle istituzioni? Era per questo che sognavate di cambiare la classe politica e di “fare la rivoluzione”? La volete ancora fare? Ci credete ancora?

Sappiamo già che sono domande che rimarranno senza risposta. Ma ci sentiamo in dovere di farle perché crediamo nella politica fatta tra i giovani e per i giovani, nello scontro duro delle idee  ma anche nell’incontro sui valori imprescindibili. Ed imprescindibili per noi sono la legalità e la trasparenza.

Sembra passato un secolo da quando, durante mani-pulite, Gianfranco Fini e Umberto Bossi si trovavano fianco a fianco in molte occasioni per aggredire il senso di impunità e l’arroganza della “casta” di allora.

Noi lo abbiamo fatto nei mesi scorsi (quando non era facile essere “contro Cosentino”) e lo faremo ancora da domani, nelle piazze della nostra provincia e di tutta Italia.

Voi ci sarete o qualche “generale senza esercito” vi richiamerà all’ordine? Un sussulto di dignità, vi preghiamo, prima che questo paese smetta di credere anche nei giovani.

Generazione Futuro (movimento giovanile FLI) provincia di Varese

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 12 Gennaio 2012. Filed under POLITICA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.