Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Laveno: ancora chiusa alle auto la provinciale. Sul posto anche rocciatori e un geologo.

pdf Laveno: ancora chiusa alle auto la provinciale. Sul posto anche rocciatori e un geologo.print Laveno: ancora chiusa alle auto la provinciale. Sul posto anche rocciatori e un geologo.

masso2 320x240 Laveno: ancora chiusa alle auto la provinciale. Sul posto anche rocciatori e un geologo.Laveno, 23 aprile 2012- «Parlare di riapertura della strada provinciale 394 in questo momento è prematuro – ha dichiarato l’Assessore alla Viabilità Aldo Simeoni – Siamo consapevoli dei disagi viabilistici, ma in questo momento il nostro primo obiettivo è garantire la sicurezza. E finché tutto non ci saranno tutte le condizioni, manterremo in vigore l’ordinanza di chiusura».

Anche questa mattina nella zone interessata dalla frana erano presenti gli uomini della protezione civile, i rocciatori e il geologo. Si sta cercando di raggiungere la cima del versante franato salendo fino al Sasso del ferro per poi percorrere un sentiero “obbligato” a piedi. Da lì, i rocciatori si caleranno in sicurezza per effettuare un monitoraggio e i lavori di messa in sicurezza la frana. Le operazioni, tempo permettendo, verranno portate a termine tra oggi domani. «Nel frattempo – continua Simeoni – abbiamo concluso gli interventi di messa in sicurezza d’emergenza, posizionando una serie di sbarramenti vicino alla provinciale. Ma la sensazione è che la chiusura, salvo indicazioni contrarie, possa essere rinviata ancora di qualche giorno».

 

 

 

Posted by on 23/04/2012. Filed under Provincia,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>