Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Elezioni amministrative: al voto 9 milioni di italiani. Attesa per risultati di Tradate e Cassano.

 Roma, 6 maggio 2012- –Si sono aperti alle 8 di questa mattina i seggi per le elezioni comunali. Chiamati alle urme oltre nove milioni di italiani per rinnovare 942 amministratori comunali.
I seggi chiuderanno alle 22 per essere riaperti domani dalle dalle 7 alle 15.
Nelle regioni a statuto ordinario si svolgeranno le elezioni del sindaco e del consiglio comunale di 769 comuni (di cui 22 capoluoghi di provincia: Alessandria, Asti, Cuneo, Como, Monza, Belluno, Verona, Genova, La Spezia, Parma, Piacenza, Lucca, Pistoia, Frosinone, Rieti, L’Aquila, Isernia, Brindisi, Lecce, Taranto, Trani e Catanzaro) e dei consigli circoscrizionali.

Nella medesima data si svolgeranno le elezioni dei sindaci e dei consigli comunali nelle regioni autonome di Friuli Venezia Giulia e Sicilia (i cui dati saranno disponibili sui relativi siti internet). Le operazioni di scrutinio avranno inizio lunedi’, subito dopo la chiusura della votazione e l’accertamento del numero dei votanti. In caso di effettuazione del turno di ballottaggio per l’elezione dei sindaci, si votera’ domenica 20 maggio, sempre dalle 8 alle 22, e lunedi’ 21, dalle 7 alle 15, mentre le operazioni di scrutinio avranno inizio nella stessa giornata di lunedi’, al termine delle votazioni e dell’accertamento del numero dei votanti.
Nei Comuni con oltre 15mila abitanti, la scheda (azzurra) reca i nomi e i cognomi dei candidati alla carica di sindaco, scritti entro un apposito rettangolo, al cui fianco sono riportati i contrassegni della lista o delle liste con cui il candidato e’ collegato. L’elettore puo’ votare: per una delle liste, tracciando un segno sul relativo contrassegno (il voto cosi’ espresso si intende attribuito anche al candidato sindaco collegato); per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo rettangolo, non scegliendo alcuna lista collegata (il voto si intende attribuito solo al candidato alla carica di sindaco).

Per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una delle liste collegate, tracciando un segno sul relativo contrassegno (il voto si intende attribuito sia al candidato alla carica di sindaco sia alla lista collegata); per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una lista non collegata, tracciando un segno sul relativo contrassegno (il voto cosi’ espresso, cosiddetto “disgiunto”, si intende attribuito sia al candidato alla carica di sindaco sia alla lista non collegata).
L’elettore potra’ altresi’ manifestare un solo voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere comunale, scrivendo, sull’apposita riga stampata sulla destra di ogni contrassegno di lista, il nominativo (solo il cognome o, in caso di omonimia, il cognome e nome e, ove occorra, data e luogo di nascita) del candidato preferito appartenente alla lista prescelta. Per il ballottaggio il voto si esprime tracciando un segno sul rettangolo entro il quale e’ scritto il nome del candidato sindaco prescelto.
Nei Comuni con meno di 15mila abitanti, la scheda (azzurra) reca i nomi e i cognomi dei candidati alla carica di sindaco, al cui fianco e’ riportato il contrassegno della lista con cui il candidato e’ collegato.

L’elettore puo’ votare: per una delle liste, tracciando un segno sul relativo contrassegno; per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo nominativo; per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo nominativo, e per la lista collegata, tracciando un segno anche sul relativo contrassegno.
In tutti i casi, il voto s’intendera’ attribuito sia al candidato alla carica di sindaco sia alla lista collegata.
L’elettore puo’ altresi’ esprimere un voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere comunale compreso nella lista collegata al candidato alla carica di sindaco prescelto, scrivendone solo il cognome o, in caso di omonimia, il cognome e il nome e, ove occorra, data e luogo di nascita, nella apposita riga stampata sotto il medesimo contrassegno.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 6 Maggio 2012. Filed under POLITICA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.