Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La fregatura legata alla sicurezza stradale del Frejus.

pdf La fregatura legata alla sicurezza stradale del Frejus.print La fregatura legata alla sicurezza stradale del Frejus.

Torino, 1 giugno 2012-“Chi di noi segue la questione, da tempo  è convinto che il progetto per  la canna di sicurezza autostradale del Frejus non traforo frejus 320x213 La fregatura legata alla sicurezza stradale del Frejus.è altro che un raddoppio camuffato. “ Così esordisce Vanda Bonardo , responsabile ambiente SEL Piemonte che già nel luglio 2009 definì con questi termini la canna di sicurezza del Frejus  in un articolo del Sole 24 Ore. Ora, quel che era un dubbio di un’ambientalista è  confermato dal  Comitato internazionale che sovrintende alla sicurezza dei tunnel autostradali tra Italia e Francia.

“Fin da principio si comprese che il traforo aveva dimensioni tali da renderlo assimilabile, a tutti gli effetti, ad una nuova carreggiata stradale –prosegue Bonardo -  La scelta, non obbligatoria, di realizzare un secondo tunnel anziché intervenire sull’esistente, adeguandolo alle prescrizioni di legge inerenti la sicurezza (rifugi a congrua distanza e dotazioni tecnologiche specifiche, come realizzato ad esempio nel traforo del Monte Bianco),rappresenta la soluzione più ambigua e schizofrenica che mai ci si potesse attendere.”

Non si capisce come questo atto si concili con i proclami del Governo per il passaggio del trasporto dalla gomma al ferro. Ancora di recente il ministro dello Sviluppo, Corrado Passera affermò che la Tav non sarebbe stata una cattedrale nel deserto ma un contributo allo sviluppo che va nella giusta direzione, quella di trasferire da gomma a ferro una parte importante del trasporto del merci (sic!).

“Riteniamo sia prioritario un contingentamento delle merci su gomma che transitano

nelle Alpi, per arrivare ad un trasferimento di una quota sempre più crescente al ferro e al trasporto su nave, come previsto dal Protocollo Trasporti della Convenzione sulle Alpi. Ma davvero non si capisce per quale motivo l’Italia voglia a tutti i costi costruire una nuova ferrovia merci Torino Lione se poi, nei fatti, non è concretamente disposta a perseguire il trasferimento delle merci su ferro. E tutto ciò accade proprio nel giorno in cui si tagliano 12 linee ferroviarie piemontesi .In casi come questi . -conclude Bonardo –  è difficile non sentirsi presi in giro. “

 

Posted by on 01/06/2012. Filed under Politica. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>