Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Lettera: “Basta con la “Cristianofobia”, basta con il genocidio d’innocenti”.

image_pdfimage_print

Varese, 4 luglio 2012-L’assassinio di un  essere umano giustificato da motivi religiosi fa risaltare che del significato del messaggio religioso non si è capito assolutamente nulla. Il rispetto della vita umana è a fondamento di qualsiasi religione e mascherare espressioni di violenza e intolleranza per scopi religiosi è un falso ideologico.

Il genocidio dilagante che si sta perpetuando  nei confronti delle minoranze cristiane e di altre religioni dovrebbe suscitare allarme a tutti i livelli; nessuno escluso! Che si eviti di ravvivare ulteriori violenze ammorbidendo l’informazione è comprensibile; meno comprensibile il fatto che lo si faccia per evitare ritorsioni che complichino rapporti internazionali. La “cristianofobia” è indecente e non bisogna avere timore a urlarlo.

Che estremisti islamici, in nome di ideologie più politiche che religiose, vogliano creare forti tensioni che creino divisioni profonde fra gli islamici e le altre religioni è fatto certo, ma non è accettabile che le altre religioni non vengano difese a spada tratta da tutti; anche dai laici.

In verità, da parte di laici e agnostici, si nota un accentuarsi delle critiche verso la religione cristiano-cattolica anche nel nostro Paese, con tutte le doverose differenze del caso, che si esprime anche con  offese e delegittimazioni nei confronti dello stesso Papa in rifiuto di suoi pensieri che vogliono condannare azioni della società civile in antitesi con i dettami della Chiesa.

La guerra globale contro i cristiani non è convenzionale e incarna un risentimento anticristiano che oltrepassa razze, territori e culture rendendo i cristiani insicuri ovunque per mancanza di qualsiasi protezione. Domandiamoci cosa potrebbe mai accadere in paesi  dove si sta avviando una rapida ascesa di movimenti radicali islamici? Dovremo “abituarci” a intimidazioni e massacri come accadde con l’Olocausto facendo finta di non vedere e di non sentire?

Se è vero e doveroso che i governi dell’occidente devono attivarsi per proteggere le minoranze mussulmane permettendo loro di lavorare e pregare in piena libertà e senza alcun timore, perché questo è il parametro di distinzione di una società libera, è altrettanto vero che devono porsi il problema di come difendere le minoranze religiose nei paesi dove tale libertà non esiste.

Va impedito, a tutti i costi, che si crei una divisione fra cristiani e mussulmani in quanto questo è l’obiettivo dei fondamentalisti islamici e pertanto occorre aprire un dialogo costante e duraturo con i musulmani  emancipati fornendo loro aiuti, anche economici e di sviluppo,  per permettergli di dissociarsi in modo netto e costruttivo da chi li vuole relegare in una realtà che riesce a prevalere solo con la violenza e l’oppressione.

Alessandro Milani

 

Posted by on 4 luglio 2012. Filed under Lettere Al Direttore,Sociale,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>