Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Urge pensionamento della classe politica italiana.

%varese1910 %varese%varese1910 %varese

Varese, 31 luglio 2012-Abbiamo un apparato Politico-Istituzionale tanto ipertrofico quanto pletorico che ci costa un sacco e rende molto poco.

%varese1910 %vareseAbbiamo il poco invidiabile primato di avere il più alto costo della politica rispetto agli altri paesi europei e, probabilmente, anche rispetto al mondo.

Ogni italiano che paga le tasse spende in media  646Euro l’anno  per costi diretti e indiretti, inerenti la politica,  che ammontano  a  un totale di 24,7 miliardi di Euro sottraendo il 12% del gettito IRPEF.

Il costo per Presidenza Repubblica,Camera,Senato,Corte Costituzionale e Presidenza del Consiglio con Ministeri è di 3,2 miliardi di Euro che equivale, per ogni contribuente, a 82 Euro

Nel decennio che va dal 2001 al 2010 i costi della Pubblica Amministrazione, caricati sui contribuenti onesti, sono saliti del 3,2% in rapporto al PIL (forse in previsione della crisi c’era chi metteva fieno in cascina) arrivando al 51,2%

Difficile farsi una ragione se si confrontano i costi con le altre democrazie europee; basti pensare che  il costo del nostro Parlamento equivale alla somma dei quattro Parlamenti di Germania, Francia,Inghilterra e Spagna

Non avendo una classe dirigente che la si possa ritenere la migliore è chiaro che c’è qualche cosa che non va e ritenere che ci sia una sorta di truffa nei confronti dei contribuenti non è una affermazione cosi fuori luogo.

Con un debito pubblico di 2.000 miliardi di Euro il buon senso fa ritenere che si debbano applicare cure radicali che non debbono incidere sulle Politiche Sociali ma sulle spese dell’apparato Politico-Istituzionale tanto enormi quanto inutili. Quindi incidere sui costi della politica e della spesa pubblica improduttiva sono una priorità che non ammette deroghe.

Una gerontocrazia sempre più insaziabile e ottenebrata dall’avidità necessita di un urgente pensionamento che li allontani dalle stanze del potere per sempre in quanto di danni ne hanno già fatti abbastanza e la loro esperienza è servita solo a complicarli ma non a risolverli.

La parola toccherà presto agli elettori e se prima di recarsi al voto controlleranno la loro busta paga o la loro pensione o i loro risparmi  sicuramente  la volontà di voler cacciare via questa classe dirigente sarà tanto normale quanto ovvia.

Referente città di Varese

“Italia dei Valori-Lista Di Pietro”

Alessandro Milani

 

Posted by on 31/07/2012. Filed under Politica,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

One Response to Urge pensionamento della classe politica italiana.

  1. cavio Rispondi

    06/08/2012 at 22.09

    VIA VIA BISOGNA FARE PIAZZA PULITA TUTTO QUELLO SUPERFLUO ELIMINARLO ATTENTI AL VOTO PENSARCI BENE PRIMA DI DARLO MENO PARTITI CI SONO MENO SOLDI DIBBIAMO TIRARE FUORI PER LORO

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>