Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Biglietto integrato treno più battello da Milano fino all’Eremo di Santa Caterina del Sasso.

image_pdfimage_print

Milano, 8 agosto 2012- In treno da Milano a Laveno Mombello e poi in battello fino all’eremo di Santa Caterina del Sasso che, abbarbicato su uno strapiombo di parete rocciosa, è uno tra gli scenari più suggestivi del Lago Maggiore. Il tutto con il biglietto unico integrato, che entrerà in vigore da sabato 11 agosto.
“Questo itinerario dimostra che, per conoscere i luoghi più belli della Lombardia, non è necessario sobbarcarsi lunghe code in auto che rovinano il piacere di una gita e danneggiano il portafoglio e l’ambiente” ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Raffaele Cattaneo, presentando la novità per il turismo lombardo, che nasce da un accordo sottoscritto da Regione Lombardia attraverso Trenord, Provincia
di Varese e la Navigazione Lago Maggiore.
“L’integrazione dei servizi e delle tariffe – ha proseguito l’assessore – è una delle nostre priorità a vantaggio dei cittadini e, con questa iniziativa, il trasporto pubblico si conferma un’alternativa più attrattiva e conveniente anche per il tempo libero”.

PREZZI DEI BIGLIETTI – Questi i prezzi, andata e ritorno:
adulti individuali: 13,50 euro;
ragazzi (4-14 anni non compiuti): 9 euro.
Il viaggio è gratuito per i bambini con meno di 4 anni.

QUANDO UTILIZZARLI – La tariffa unica integrata è valida  fino
al 16 settembre nelle giornate di sabato e festivi e  consentirà
di effettuare il viaggio nella sola giornata corrispondente alla
data della convalida.

DOVE ACQUISTARE I BIGLIETTI – I biglietti potranno essere
acquistati presso le biglietterie Trenord della rete
Ferrovienord dotate di sistema di bigliettazione elettronico e
presso le emettitrici automatiche. (Ln)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 8 agosto 2012. Filed under Provincia,Tempo Libero. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *