Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il Cesvov Varese organizza corsi per nuovi volontari.

Varese, 16 ottobre 2012- Nel Varesotto i volontari sono un piccolo esercito, che potrebbe diventare anche più grande. Le nuove leve?  Potenzialmente ci sono anche se farle uscire allo scoperto non è sempre semplice. A far da sentinella sul fenomeno è il Centro di Servizi. Qui esiste un servizio di orientamento per mettere in contatto offerta e domanda di volontari (da qualche mese il servizio viaggia anche on line per i più giovani con una vera e propria bacheca elettronica): in un anno sono mediamente un centinaio le presone che richiedono informazioni per diventare volontari. Ma per aiutare ancora di più l’incontro tra chi si offre come volontario e chi ha bisogno di volontari, tra qualche settimana ci sarà anche la possibilità di seguire un percorso di orientamento strutturato in tre incontri (in aula a Varese presso la sede del Cesvov in via Brambilla 15 giovedì 15, 22 e 29 novembre).

“L’obiettivo è quello di dare risposte alle domande che più frequentemente si fa chi vorrebbe avvicinarsi a questo mondo – spiega il presidente del Cesvov, Guido Ermolli -. Le persone sono frenate da alcuni interrogativi: dove andare? Quanto tempo devo dedicare? Cosa posso fare?”. A ben vedere i  potenziali volontari sono migliaia: basta essere maggiorenni (ma, in alcuni casi e per certe attività, la maggiore età può non essere richiesta), avere del tempo a disposizione ed essere naturalmente predisposti ad aiutare o ad impegnarsi in attività a favore della collettività. “Chi si rivolge a noi per fare volontariato – dice ancora Ermolli  – spesso non ha le idee chiare su settori di intervento, impegno richiesto, attitudini personali: così facciamo orientamento. Ed è quello che verrà fato anche durante le tre serate”.  Le serate, infatti, saranno pensate come momenti di interazione con un incontro finale che metterà i potenziali volontari di fronte alla possibilità di chiedere  informazioni direttamente alle associazioni che sono in cerca di volontari. A loro volta queste associazioni avranno frequentato un paio di incontri per chiarire le idee in merito alla  modalità di incontro e inserimento di nuovi volontari.  “Anche saper creare le condizioni per l’accoglienza – conclude il presidente – focalizzando l’attenzione sui bisogni ma anche su opportunità e ostacoli”.

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 16 ottobre 2012. Filed under PROVINCIA,Sociale. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.