Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Lara Comi (Pdl): “Il Nord sta soffrendo: assurdo che chiudano aziende per crediti”

VARESE. 27 maggio 2013 – “Il presidente Squinzi ha il merito di parlare sempre con schiettezza senza tanti giri di parole. E ha ragione a battere sul chiodo fisso del credito alle imprese. La prima tranche di 40 miliardi di pagamento dei debiti della pubblica amministrazione è un passo importante ma le stime parlano di oltre 100 miliardi. In un Paese civile lo Stato onora i propri debiti e le aziende non possono chiudere per crediti. Trovo pertanto giusta la proposta di Squinzi di destinare al pagamento dei debiti della pubblica amministrazione gli otto-dieci miliardi liberati dalla fine della procedura di infrazione attribuita all’Italia per sforamento del deficit”.

Lo afferma il coordinatore provinciale del Pdl di Varese ed europarlamentare Lara Comi in merito a quanto dichiarato dal presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, parlando all’assemblea generale degli imprenditori della Provincia di Varese, al Centro Congressi MalpensaFiere di Busto Arsizio.

“Il Nord produttivo sta soffrendo – sottolinea Comi –, in particolare l’edilizia. Squinzi ha ammonito con severità che si trova sull’orlo di un baratro economico e che rischia di trascinare tutto il nostro Paese indietro di mezzo secolo. Dobbiamo crescere, questo l’imperativo, ma senza liquidità non ci possono essere investimenti, né dunque nuova occupazione. La direttiva ritardi dei pagamenti, che obbliga le pubbliche amministrazioni a provvedere al saldo entro un termine massimo di 30-60 giorni è stata approvata a livello europeo nel 2010 ma è stata recepita ed è in vigore in Italia solo da quest’anno. Anche per questa ragione stiamo utilizzando sempre più i regolamenti perché quando vengono approvati dal Parlamento europeo entrano in funzione subito e nello stesso modo nei 27 Stati membri”.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 27 Mag 2013. Filed under Economia,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.