Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Ho sognato di volare: mostra di design a Villa Agusta di Cascina Costa

Opera di Enrico Azzimonti

SAMARATE, 19 maggio 2014- Nella parola volare si possono scoprire molti significati e leggere molte storie, tutte importanti, che raccontano piccole o grandi avventure. Si può volare con la mente e col pensiero. Prendere il volo con i ricordi del passato o le speranze per il futuro. Librarsi con i sogni e perdersi nei più profondi desideri.

Certo è che si può  anche volare per davvero e, grazie alla tenacia di qualche “illuminato sognatore”, decollare verso il cielo conquistando uno dei traguardi più ambiti dall’uomo.

Noi abbiamo scelto di farvi volare con le idee, quelle che nel corso del tempo sono decollate fino a diventare un progetto importante, che ha portato negli ambienti di Villa Agusta la mostra Ho sognato di volare, promossa dal Comune di Samarate in collaborazione con Fondazione Museo Agusta, A.N.A.C. Varese, Fondazione Montevecchio con il patrocinio di Provincia di Varese, Agenzia del Turismo di Varese, ADI delegazione Lombardia e Ordine degli Architetti PPC della provincia di Varese,  a cura di Erika La Rosa di Metamusa e Andrea Ciotti (ARCODE).

Le idee esposte sono quelle di alcuni tra i più interessanti designer della provincia di Varese, che si sono confrontati con lo splendido immobile dei primi anni del Novecento, dimora dei Conti Agusta, arricchendone gli interni con oggetti e installazioni: Enrico Azzimonti, Andrea Ciotti (ARCODE), Giorgio Caporaso, Silvia Perego,  REdesign Eva Alessandrini  e Roberto Saporiti.

La mostra vuole mettere in luce uno splendido connubio tra idee, storia e futuro: La dimora di Giovanni Agusta, l’uomo che dopo aver progettato e realizzato nel 1907, decise che la sua vita sarebbe stata “tra le nuvole” fondando la ditta Costruzioni Aeronautiche Giovanni Agusta S.A. nel1919 a Tripoli e Bengasi e scegliendo Cascina Costa come sede di una delle aziende che diventerà  leader nel campo aeronautico.

Il prezioso archivio storico, patrimonio inestimabile fatto di disegni tecnici, progetti, video, fotografie e documenti che raccontano la nascita e lo sviluppo di quel sogno di Giovanni Agusta: tutto materiale che i volontari, ex-dipendenti dell’azienda, stanno ripulendo ed archiviando con una cura straordinaria, salvandolo da un destino incerto.  Un lavoro eccezionale, interminabile, che stupisce chiunque ne venga a conoscenza e che è già in parte disponibile per chi lo volesse consultare.

L’intervento dei cinque designer tiene in considerazione il fascino di questo luogo, la storia che custodisce e ciò che di più poetico vi è dietro l’idea che anche l’uomo può volare. La Villa, originale nella struttura architettonica ma non nell’arredo interno, è stata adottata dai designer che ne hanno reinterpretato stanze, corridoi, illuminazione e con particolare attenzione hanno ricreato ambienti nuovi in cui trovano posto sia complementi d’arredo, sia installazioni in grado di emozionare il pubblico. In tutti i loro interventi il volo è una presenza importante e indiscutibile, così come il design industriale quando è leggerezza,  funzionalità e rispetto dell’ambiente. Il design di interni approda nel paese del design aeronautico e motociclistico.

La lettura fresca e originale del lavoro in mostra è affidata in catalogo al dialogo tra i designer e cinque professionisti di altri settori che per un giorno si sono “prestati” intervistatori:  Roberto Valbuzzi, di professione chef;  Luca Fraula, compositore e musicista, attualmente tastierista di Alberto Fortis; Mariaveronica Orrigoni, commerciale Tigros; Marco Feller, Comandante pilota collaudatore AgustaWestland e Elia Luini medaglia olimpica di canottaggio. Questi incontri hanno permesso di raccogliere tanti spunti, di far volare tante idee ma hanno anche svelato molti punti in comune tra professioni così diverse, ma in fondo non così lontane;  perché ciascuno nella propria quotidianità può e deve avere creatività, complemento d’arredo fondamentale per la propria personalità.

Arricchisce la mostra, un focus su Ambrogio Pozzi, artista e designer, che ha lavorato per le più importanti industrie di design realizzando oggetti che hanno fatto la storia del costume italiano.

Grazie infatti alla collaborazione con l’Associazione Amici della Ceramica, Sezione di Varese e con Maria Antonietta Pozzi,  è possibile ammirare, all’interno del percorso espositivo, un’ importante sezione di design ceramico con le realizzazioni che Pozzi fece dagli anni ’50 agli anni ’70, periodo più forte della sua creatività innovativa.

HO SOGNATO DI VOLARE. DESIGN A VILLA AGUSTA

Enrico Azzimonti, Andrea Ciotti (ARCODE), Giorgio Caporaso, Silvia Perego, REdesign Eva Alessandrini e Roberto Saporiti

Promossa dal Comune di Samarate, Assessorato alla Cultura

in collaborazione con Fondazione Museo Agusta, Fondazione Montevecchio, A.N.A.C. Varese e Maria Antonietta Pozzi

con il Patrocinio di Provincia di Varese, Agenzia del Turismo di Varese, ADI delegazione Lombardia e Ordine degli Architetti PPC della provincia di Varese

A cura di ErikaLa Rosae Andrea Ciotti (ARCODE)

24 maggio -29 giugno 2014

Inaugurazione sabato 24 maggio ore 11.00

Villa Agusta –  Via Giovanni Agusta,  Cascina Costa  Samarate (Va)

Orari di apertura: venerdì 15.30-18.30; sabato e domenica 10-13/15-18

Organizzazione Metamusa Arte ed Eventi Culturali con la collaborazione di Anna De Pietri e Laura Zocchi

Omaggio ad Ambrogio Pozzi, in collaborazione con Associazione Amici della Ceramica – Sezione di Varese

Testi in catalogo di e con Elia Luini, Roberto Valbuzzi, Luca 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 19 maggio 2014. Filed under Arte,PROVINCIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *