Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

A Varese le malattie cardiovascolari tra le prime cause di morte

VARESE, 17 giugno 2014– Gli ultimi dati indicano per la provincia di Varese un numero di decessi in lieve calo (-0,5% tra il 2010 e il 2011).

Tra le prime cause di morte (38%) si segnalano le malattie del sistema circolatorio (-1,1% rispetto all’anno precedente), seguite (33%) dai tumori in lieve aumento nel 2011 (+0,3%), in particolare i casi di tumore al pancreas (+26,2%), al fegato (+16,9%) e il morbo di hodgkin e linfomi (+20,6%).
Analizzando i tassi di mortalità standardizzati (per 10.000 abitanti), calcolati sulla base di una popolazione standard in modo da poter effettuare confronti tra territori diversi, si evidenzia per Varese un tasso di mortalità per malattie del sistema circolatorio in miglioramento rispetto al 2008 – quando era 31,6 – ma superiore alla media lombarda (28,5 contro 27,3) e inferiore a quella nazionale (30,4); mentre il tasso di mortalità per tumori è inferiore a Varese rispetto al dato regionale (26 contro 28,1) e superiore a quello italiano (25,9) ed era 27,7 nel 2008.
Esaminando i macroinsiemi delle patologie, a registrare il maggior aumento è quello delle malattie del sangue (+32,1%) e della pelle (+30%), viceversa quello che evidenzia la più intensa riduzione riguarda il gruppo delle malattie del sistema osteomuscolare e del tessuto connettivo (-33,3%) e delle malattie del sistema nervoso e degli organi di senso (-9,9%).
Tutti i dati sulla salute varesina disponibili su OsserVa, portale statistico della Camera di Commercio.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 17 giugno 2014. Filed under PROVINCIA,Sanità,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.