Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Castellanza: in auto le puntano delle forbici alla gola per rapina. Arrestate due donne

Le forbici utilizzate

CASTELLANZA, 21 ottobre 2014-I carabinieri di Busto Arsizio,  hanno tratto in arresto per il reato di rapina aggravata in concorso due donne, una di nazionalità italiana e una di origini sudamericane, rispettivamente di 34 e 35 anni, entrambe residenti in zona, con alcuni precedenti di polizia.

I fatti si sono svolti nella mattinata odierna a Castellanza dove le due rapinatrici, dopo essersi avvicinate ad una donna che si trovava alla guida della propria autovettura, le hanno puntato delle forbici alla gola intimandole dapprima di consegnare loro la borsa con denaro contante e vari documenti custoditi all’interno, obbligando successivamente la guidatrice a scendere dal veicolo a bordo del quale si sono poi date alla fuga. A quel punto la vittima, in evidente stato di shock per la rapina subita, ha chiamato il numero di emergenza 112 allertando in tal modo le pattuglie presenti su tutto il territorio. I Carabinieri, dopo aver presidiato tutte le vie di fuga, sono riusciti in breve tempo a rintracciare la vettura rubata, con le due donne ancora a bordo, le quali, a seguito di un breve inseguimento, hanno abbandonato il veicolo tentando di scappare a piedi lungo le vie cittadine, venendo tuttavia prontamente raggiunte dai militari e tratte in arresto.

I Carabinieri, dopo aver recuperato l’intera refurtiva che è stata immediatamente restituita alla legittima proprietaria, d’intesa con il Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Busto Arsizio, Dott.ssa Maria Cardellicchio, hanno

successivamente accompagnato le due arrestate presso la Casa Circondariale di Monza dove permarranno a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

 

image_pdfimage_print
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 21 Ottobre 2014. Filed under Cronaca,PROVINCIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.