Annega nel Lago Maggiore giovane 20enne

ARONA, 15 agosto 2017- Un 20enne senegalese è annegato oggi pomeriggio  nel Lago Maggiore, probabilmente per un malore dovuto a congestione. Inutile ogni tentativo di soccorso. La tragedia è avvenuta a Punta Vevera, ad Arona, in una zona del lago con divieto di balneazione dove in poco più di anno ci sono state tre vittime, compresa questa.

Il divieto, motivato dai fondali pericolosi e dall’inquinamento dell’acqua, è riportato su un cartello scritto in cinque lingue (italiano, inglese, francese, tedesco e spagnolo) ma ciononostante sono numerosi i bagnanti che lo sfidano.(RSI.CH)




Trova un Gheppio a bordo strada e lo consegna ai vigili del fuoco

BUSTO ARSIZIO, 15 agosto 2017- Ieri sera un uomo  si è presentato presso il distaccamento dei vigili del fuoco di Busto/Gallarate con un rapace, un Gheppio, ritrovato sulla sede stradale .

L’uomo ha ritrovato l’animale sulla carreggiata, non sapendo cosa fare lo ha raccolto e si recato presso la caserma del Sempione.

Immediatamente i vigili di servizio si sono attivati facendo intervenire la polizia locale che ha preso in custodia il Gheppio per le cure del caso. 




Muore cadendo sulle rocce sottostanti una cascata: vittima una donna milanese

La zona dove la donna è caduta e i soccorritori al lavoro

PEVEREGGIA (Canton Ticino), 14 agosto 2017-Una donna di 74 anni, cittadina italiana residente a Milano, è morta questa mattina attorno alle 11.30 vicino alla cascata della Pevereggia.

La signora, per motivi che l’inchiesta di polizia dovrà stabilire, è precipitata da un’altezza di 15 metri sulle rocce sottostanti per poi finire nell’acqua.

Sul posto sono giunti i soccorritori della Croce Verde e della Rega che hanno potuto solo constatare il decesso della 74enne.(www.rsi.ch)

 

 




Principio d’incendio su treno regionale in sosta a Gallarate: evacuati i passeggeri

GALLARATE, 13 agosto 2017– lPer cause ancora in fase di accertamento, alcuni sedili del treno regionale 10418 Milano-Domodossola- in sosta alla stazione di Gallarate-sono stati coinvolti in un incendio scatenatosi verso le 18.30.

Il capo treno accortosi di quanto stava avvenendo, ha evacuato la carrozza interessata dalle fiamme e lanciato l’allarme, nel contempo faceva fermare il convoglio nella stazione di Gallarate.
Alcuni vigili del fuoco liberi dal servizio, presenti all’interno dello scalo ferroviario, in attesa dell’arrivo degli operatori si sono prodigati a collaborare alle operazioni di evacuazione e hanno circoscritto le fiamme con alcuni estintori.
Tutti i passeggeri sono stati fatti scendere senza problemi. 
I vigili del fuoco intervenuti con un’autopompa, hanno spento le fiamme e messo in sicurezza l’area. Sul posto è intervenuta la polizia ferroviaria e la polizia scientifica per gli accertamenti del caso. Il treno è stato soppresso e portato in deposito per le verifiche necessarie.



Incidente tra auto e moto a Biandronno

BIANDRONNO, 13 agosto 2017-Per cause ancora in fase di accertamento una moto e un’autovettura si sono scontrate oggi alle 15 a Biandronno in via Roma

I vigili del fuoco del distaccamento di Ispra sono  intervenuti con un’autopompa,  messo in sicurezza i veicoli e collaborato con il personale sanitario per soccorrere i feriti.



Cade con la mountain bike nei boschi di Marzio, viene soccorso da vigili del fuoco

MARZIO, 13 agosto 2017- Oggi alle ore 14 , gli speciali del S.A.F. (Speleo Alpino Fluviale) dei vigili del fuoco di Varese, in sinergia con i tecnici del soccorso alpino, sono intervenuti nel comune a Marzio in località Madonna degli Alpini per soccorso persona in ambiente impervio .
Un escursionista che stava percorrendo alcuni sentieri in una zona boschiva a bordo di una mountain bike, è caduto a terra rovinosamente.
Gli operatori intervenuti sul posto, mediante tecniche alpinistiche e l’utilizzo di una speciale barella hanno recuperato l’individuo trasportandolo nei pressi di una strada asfaltata, dove ad attenderlo vi era un autoambulanza.



Janus River farà tappa alla Residenza e Fondazione Don Gnocchi di Malnate

Janus River (foto Life Travel)

MALNATE, 12 agosto 2017-Passerà sabato 19  alla Residenza di Malnate Janus River, il ciclista ottantenne polacco  che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. 

Alle 9 verrà accolto in comune dall’assessore a Servizi Sociali, Anziani e Pari Opportunità Maria Croci, che alle 11 lo accompagnerà a La Residenza, per un incontro con la stampa. Alle 15.30 terrà un altro incontro presso la Fondazione don Gnocchi.

Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia a  17 anni fa ha iniziato il viaggio in sella alla sua bicicletta, attraversando 152 paesi, e percorrendo oltre 300 mila chilometri. Vive grazie alla generosità di chi lo riconosce e lo aiuta con un pranzo o un “tetto”, per il resto gli bastano 3 euro al giorno. Negli ultimi 4 anni ha attraversato la Russia, l’Australia e il Sud America. “Voglio fare qualcosa che resti nella storia del mondo!”, ha detto.
Non dorme in un letto da 17 anni. Da quando decise di inforcare una bici, comprata da un amico, per girare il mondo. E’ intrisa di particolari suggestivi la storia di Janus River, 80 anni, polacco, un passato trascorso tra campi di calcio e palcoscenico come impresario. Ha collaborato con il Processo di Biscardie Boniek, tanto per fare dei nomi. Stava bene. Ma la sua esistenza è pervasa dalla “folle” voglia di avventura.

 

 




Arrestato giovane pusher di Venegono Superiore: spacciava direttamente dall’abitazione

La droga sequestrata

VENEGONO SUPERIORE, 12 agosto 2017-Nella serata di ieri, 11 agosto, gli operatori della Polizia di Stato, in servizio presso la Squadra Mobile della Questura di Varese, hanno proceduto all’arresto di un giovane italiano di 19 anni a Venegono Superiore, perché colto nella flagranza del reato di detenzione e cessione di sostanza stupefacente del tipo marijuana.

Nell’ambito dei servizi volti al contrasto alla criminalità diffusa predisposti dalla Polizia di Stato nella città di Varese e nella provincia, il personale della Squadra Mobile, Sezione Antidroga, ha notato uno strano andirivieni di giovani da un’abitazione di Venegono Superiore.

Durante l’appostamento, gli operatori hanno individuato tre giovani uscire dalla casa monitorata e salire a bordo di un’autovettura, che è stata poco dopo fermata per effettuare un controllo e procedere all’identificazione degli occupanti, tutti italiani, di cui uno minorenne.

L’immediata perquisizione ha portato al rinvenimento e al sequestro di un esiguo quantitativo di marijuana a carico di due dei tre ragazzi, il minorenne e il conducente del veicolo, palesemente destinato all’uso personale, mentre l’altro maggiorenne aveva con sé circa 13 grammi di marijuana nelle tasche e quasi 50 grammi della medesima sostanza occultati negli slip, in due pacchetti separati, di cui parte già divisa in dosi di circa 3 grammi ciascuna pronte per la vendita.

Quest’ultimo era l’unico dei tre ad abitare nella casa oggetto di attenzione, pertanto la perquisizione è stata estesa al suo domicilio, attività che ha permesso di rinvenire e sequestrare circa 7 (sette) Kg di marijuana e di procedere all’arresto del dicianovenne per detenzione illecita di sostanze stupefacenti e cessione della medesima sostanza agli altri due.

La marijuana rinvenuta nell’appartamento era per la maggior parte accuratamente confezionata in buste sottovuoto, solitamente destinate alla custodia degli abiti, mentre poco più di un chilogrammo era diviso tra un boccaccio, nel quale la sostanza era sfusa, e vari pacchetti più piccoli pronti per la vendita al dettaglio, alcuni da 20 grammi ed altri addirittura da 100 grammi.

Informata l’Autorità Giudiziaria dell’avvenuto arresto, è stata disposta l’associazione del diciannovenne presso la locale Casa Circondariale.

Gli altri due giovani sono stati segnalati amministrativamente per uso personale di sostanza stupefacente a norma dell’art. 75 D.P.R.309/1990.