L’eremo di Santa Caterina torna ai Francescani dopo sentenza del Tar regionale

VARESE, 12 ottobre 2018-di GIANNI BERALDO

No agli Oblati sì ai Francescani di Betania.

Questa in pratica la sentenza del Tar della Lombardia che oggi  ha rigettato la richiesta dell’associazione laica degli Oblati di rimanere “custodi e gestori” dell’Eremo di Santa Caterina, dando il via libera all’ingresso della comunità religiosa dei Francescani, come da provvedimenti adottati a suo tempo dalla Provincia così come dalla diocesi di Milano.

Una sentenza che di fatto conferma quanto appunto già deciso dall’Ente provinciale <<A questo punto si può procedere con l’insediamento della comunità de Francescani di Betania>>, sottolinea il presidente della Provincia Gunnar Vincenzi.

Una querelle che parte da lontano e che vede in campo un’associazione laica contro la ben nota  ecclesialità dei Francescani che tornano in un contesto storico bellissimo, dove preghiera e spiritualità dovrebbero regnare senza nessun ostacolo burocratico.

direttore@varese7press.it




Autocarro bloccato sui tornanti della Grantola: traffico bloccato per ore

GRANTOLA, 12 ottobre 2018-Questa mattina poco dopo le 6 i vigili del fuoco del distaccamento di Luino, sono intervenuti  in via Provinciale a Grantola per il blocco di un autocarro. 

Un mezzo pesante che stava facendo manovra su uno dei tornanti della provinciale è rimasto bloccato.
I vigili del fuoco intervenuti in un’autopompa e un’autogru giunta dalla sede di Varese, hanno sollevato la parte posteriore dell’autocarro riallineandolo con la carreggiata. La strada è rimasta chiusa al traffico per circa due ore. 



In Lombardia pronta task force di controllo e intervento su opere a rischio crolli o cedimenti vari

VARESE, 11 ottobre 2018- di GIANNI BERALDO

Il ponte crollato a Lecco nell’ottobre 2017, dove perse la vita un uomo

Si chiama “Unità di missione Lombardia sicura”, una sorta di task force fortemente voluta dalla Regione Lombardia, per monitorare, valutare rischi e nel caso intervenire a livello strutturale su molte opere attualmente in uso in Lombardia,in raccordo con il Ministero dei Trasporti.

A rischio sono 272 opere dislocate in tutta la Regione, con interventi di messa sin sicurezza necessari per un importo totale di 214 milioni di euro. Ponti, strade viadotti saranno così più sicuri, sigillo di garanzia determinato pure dalla partecipazione diretta al progetto pure degli enti locali  i quali avranno il compito di segnalare tutte quelle infrastrutture a uso civile che potrebbero mettere a rischio l’incolumità delle persone.

Relatore del provvedimento è  Angelo Colombo (FI), il Presidente della Commissione regionale dei Trasporti e Infrastrutture: <<“L’approvazione della proposta di Risoluzione all’unanimità è il segnale che la Commissione ha recepito appieno l’ invito a elaborare e predisporre un testo condiviso da tutti i gruppi consiliari – ha dichiarato- e conferma l’attenzione massima di Regione Lombardia su un tema come quello della sicurezza di tutte le nostre infrastrutture: il voto finale di questo provvedimento in Consiglio regionale sarà il passo decisivo per implementare maggiormente l’azione di controllo e prevedere ulteriori interventi anche attraverso lo strumento Lombardiasicura>>.

Anche i singoli proprietari e concessionari dovranno aderire al progetto, creando fascicoli dedicati a ongni singolo manufatto, nel quale saranno riportate caratteristiche e particolarità, utili poi alla successiva fase manutentiva.

Insomma la Lombardia si porta avanti cercando di evitare tragedie che negli ultimi anni l’ha vista protagonista con ponti e strade crollate, causando pure qualche vittima.

direttore@varese7press.it




Labrador precipita in una grotta della Valganna: soccorso dai vigili del fuoco

Il labrador recuperato dal gruppo speleologico dei vigili del fuoco

INDUNO OLONA, 8 ottobre 2018-Ieri pomeriggio verso le 16 un cane di razza Labrador si è addentrato all’interno di una grotta della Valganna precipitando per una trentina di metri.

I proprietari che erano con lui hanno lanciato l’allarme e richiesto soccorso.
Sul posto si è portata una squadra di vigili del fuoco. Gli specialisti del S.A.F. (Speleo Alpino Fluviale) hanno effettuato il recupero con tecniche speleologiche.
Per raggiungere il quadrupede hanno attrezzato una discesa di trenta metri nel cuore della montagna, raggiunto l’animale lo hanno imbragato e recuperato. Successivamente il Labrador è stato trasportato per più di 40 minuti sino alla strada statale dove ad attenderlo c’era un veterinario.
Il cane è stato visitato sul posto e portato in clinica per accertamenti, le sue condizioni di salute non destano preoccupazioni.
Le operazioni sono durate circa 4 ore. 



Una grande limousine piomba su parcheggio centro commerciale: 20 morti

ALBANY (Usa), 7 ottobre 2018-Una imponente limousine che trasportava alcuni invitati a un matrimonio ha causato una strage nel parcheggio di un centro commerciale di Schoharie, non lontano dalla città di Albany, la capitale dello Stato di New York. Venti persone sono rimaste uccise nel maxi incidente, ha reso noto domenica la polizia riferendo quanto accaduto il giorno prima.

Secondo quanto riportano i media locali, l’Hummer allungato ha travolto i veicoli presenti nell’affollata area di parcheggio verso le 14 locali. La limousine è piombata ad alta velocità dopo una discesa. Sembra che la maggior parte delle vittime fosse a bordo della limousine. Si parla di 18 occupanti morti.

Per la contea si tratta di uno degli incidenti più gravi mai registrati. (RSI.CH)




Incidente a Busto Arsizio: auto finisce contro stabile

BUSTO ARSIZIO, 5 ottobre 2018- Questa mattina alle 11 i vigili del fuoco del distaccamento di Busto/Gallarate, sono intervenuti nel comun via L. Galvani, per incidente stradale.

Per cause ancora in fase di accertamento due autovetture si sono scontrate nei pressi di un incrocio, nell’impatto uno dei veicoli ha terminato la corsa contro uno stabile.
I vigili del fuoco intervenuti con un’autopompa hanno messo in sicurezza gli automezzi e collaborato con il personale sanitario per soccorrere i feriti.



Rissa tra automobilisti a Malnate finisce a coltellate

MALNATE, 4 ottobre 2018 – di LUCIANO PRIORI

Rissa fra automobilisti per una precedenza finisce a coltellate. L’episodio è avvenuto ieri alle 18, in via delle Vittorie, all’altezza di via Podgora.

In quel punto vi è un restringimento della carreggiata che impone il senso unico alternato. In caso di”incontro” fra i veicoli quindi, uno deve rimanere fermo per lasciare passare l’altro.

Una situazione che, solitamente, si risolve con un cenno di intesa e la rinuncia di uno dei due conducenti a passare.

Il punto che ieri sera nessuno dei due automobilisti a quanto pare era disposto a cedere il passo. Entrambi reclamavano il diritto di precedenza;la situazione è precipitata ulteriormente.

I volti arrossati dalla rabbia fino alla voce sempre più alta, fino a quando tra i due automobilisti e nata una colluttazione, sono volati pugni e calci. Un parapiglia consumato sotto gli occhi dei passanti attoniti.

Uno dei due automobilisti ha estratto un coltello e ha sferrato due fendenti che hanno colpito al petto il rivale. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Malnate e i mezzi Areu.

Il ferito, 45 anni, è stato trasportato in codice giallo all’ospedale di Circolo di Varese, non rischia la vita, ma i medici sono dovuti intervenire d’urgenza per ricucire la ferita; la prognosi è di venti giorni. Il rivale rischia una denuncia con l’accusa di lesioni aggravate. In corso di accertamento le indagini condotte dai carabinieri di Malnate. 




Addio a Emilio Binda, ex sindaco di Luvinate e fondatore ente Parco Campo dei Fiori

LUVINATE, 1 ottobre 2018- E’ morto questa mattina Emilio Binda, uno dei personaggi più noti nella storia del paese.
Binda a livello istituzionale ha ricoperto diversi ruoli. Consigliere e Assessore del Comune di Luvinate dagli anni ’50, Sindaco di Luvinate dal 1983 al 2001, fondatore e Presidente dell’ente Parco Campo dei Fiori dal 1984 al 1991, Presidente della Scuola Materna, consigliere e Vice Presidente della Fondazione Sacconaghi Borghi di Comerio dal 2013 al 2017. 
L’amministrazione di Luvinate saluta con commozione e gratitudine il sig. Binda, servitore umile, discreto, capace ed infaticabile di questa comunita’ e di tutto il nostro territorio: su decisione del Sindaco e sentita la famiglia, da questa mattina tutte le bandiere comunali sono a mezz’asta; mercoledì sarà dichiarato lutto cittadino; da domani invece nell’Aula Consiliare sarà allestita la camera ardente dove anche ogni luvinatese potrà portare il suo saluto. 
Mercoledì mattina il Corteo Funebre partira’ dalle ore 10 dal Comune verso la Chiesa per l’ultimo saluto della comunita’