Salvata una donna finita tra le griglie della diga di Somma Lomnardo

La diga Porto Torre a Somma Lombardo

SOMMA LOMBARDO, 14 dicembre 2017-Questa mattina alle 8 i vigili del fuoco sono intervenuti nel comune di Somma Lombardo, sulle acque del fiume Ticino, presso la diga idroelettrica di “Porto della Torre” per soccorso persona.

Per cause ancora in fase di accertamento una donna si trovava in acqua, trattenuta dalla corrente contro le griglie di filtraggio della centrale. I vigili del fuoco intervenuti con una squadra di terra, gli specialisti del soccorso acquatico e un elicottero hanno recuperato la persona affidandola poi alle cure del personale sanitario.




Bambini caduti su lastre di ghiaccio davanti Scuola Pascoli. I genitori: “E’ una vergogna, intervenga il Comune”

Neve e giaccio davanti scuola Pascoli

VARESE, 13 dicembre 2017- L’associazione Genitori della scuola “Pascoli” di Varese, ci ha contattato sottolineando la gravità dell situazione in merito alla mancata pulizia di marciapiedi e strada limitrofa all’istituto scolastico, da parte dell’amministrazione comunale varesina.

Disservizio che ha creato disagi evidenti mettendo in serio pericolo l’incolumità fisica dei bambini, molti dei quali caduti su lastre di ghiaccio in prossimità dell’ingresso di via Guido Reni.

<< Questa mattina noi genitori abbiamo assistito a scene aberranti di bambini che cadevano come birilli su lastre di ghiaccio, mentre vigili urbani multavano le auto non adeguatamente parcheggiate causa residui di neve e ghiaccio presenti a bordo strada>>, riferisce la presidente Donatella Schena che aggiunge <<Come genitore e cittadina, non posso che essere indignata di fronte a questa situazione. Mi rincresce constatare che la sicurezza dei bambini non sia una priorità di questa amministrazione comunale. Posso essere tollerante e comprendere che la neve è un evento eccezionale e come tale crei disguidi, ma trovo inaccettabile che strade con un’incidenza così sensibile non vengano considerate come priorità>>.

Donatella Schena rincara la dose evidenziando come << va bene la cultura e il turismo, vanno bene le bici gialle, ma se il Comune non riesce a togliere il ghiaccio davanti alle scuole e i nostri figli cadono rischiando di finire in ospedale per una banale e piccola nevicata, allora l’amministrazione perde credibilità>>.

Poi un appello <<Come associazione  genitori ci attendiamo che davanti alla scuola primaria Pascoli vengano effettuati immediatamente lavori di salatura strada con rimozione immediata del ghiaccio>>.

redazione@varese7press.it

 




Digos nella sede di Do.Ra.: sequestrati armi e altro materiale neonazista.

Parte del materiale sequestrato con copia di Mein Kampf

SUMIRAGO, 12 dicembre 2017- Asce, coltelli, martelli, svastiche, vessili e altro materiale di chiaro stampo nazifascista tra cui il tristemente noto Mein Kamp scritto da Adlf Hitler, vera bibbia per ogni aderente all’estrema destra.

Questo e tanto altro materiale è stato sequestrato all’alba di oggi da agenti dell Digos, nella sede di “Do.Ra, Dodici Raggi” a Caidate, vicino a Sumirago. 

Tra gli adepti a questo movimento piuttosto violento anche Alessandro Limido, 38enne figlio di Bruno ex giocatore di Avelino, Juventus e Varese (società nella quale chiuse la carriera), nella cui abitazione è stato rinvenuto altro materiale di stampo nazifascista. Limido ora è indagato per reato di “Riorganizzazione del disciolto partito fascista (la famos a”Legge Scelba).

Al vaglio della magistratura anche la posizione di altre due persone fermate.

Indagine che dura da tempo e iniziata l’anno scorso quando un folto gruppo di militanti di DoRa avevano “sfregiato” il Sacrario dedicato ai partigiano uccisi sul Monte San Martino a Duno, organizzando una manifestazione commemorativa (a modo loro) posizionando addirittura uan croce simbolo utilizzata dai nazisti.

Rito poi ripetutosi recentemente, il 18 novembre scorso sempre nella stessa località cara all’Anpi, associazione della quale i seguaci neonazisti varesini ne hanno provocatoriamente chiesto l’abolizione tramite petizione online.

redazione@varese7press.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Nevicata in provincia: diversi interventi dei vigili del fuoco

LUINO, 11 dicembre 2017-Nella giornata odierna i vigili del fuoco della provincia di Varese, causa la nevicata che ha colpito il territorio, sono stati impegnati per decine di richieste di soccorso. La zona maggiormente colpita è stata quella del Luinese dove hanno operato incessantemente due squadre.

Dalle 8 di questa mattina sino ad ora sono stati effettuati oltre cinquanta interventi per tagli pianta, recuperi veicoli e messa in sicurezza di pali pericolanti.




Panico a New York per esplosione nella più grande stazione dei bus: ferito l’attentatore

NEW YORK, 11 dicembre 2017-Panico a Manhattan per un’esplosione avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York.  Quattro le persone ferite, nessuna in pericolo di vita. Per l’esplosione la polizia ha fermato un uomo che vive a Brooklyn nella zona di Flatbush. L’uomo ferito è stato trasportato all’ospedale di Bellevue.  Il fermato ha 27 anni e si chiama Akayed Ullah.

La polizia di New York sta indagando per attacco terroristico. L’uomo e’ stato ispirato dall’Isis. Lo afferma l’ex capo della polizia di New York, Bill Bratton, in un’intervista a Msnbc. “E’ stato un tentato attacco terroristico”, ha confermato il sindaco di New York Bill De Blasio.

“Ho agito per vendetta”: questo avrebbe detto agli investigatori dell’Fbi – secondo quanto riportano alcuni media americani –Akayed Ullah, l’uomo di 27 anni che a Manhattan ha fatto esplodere un ordigno artigianale che indossava. Ullah, secondo le prime ricostruzioni, e’ un ex tassista originario del Bangladesh che vive a Brooklyn. “Hanno bombardato il mio Paese e volevo fare del male qui”, avrebbe affermato l’attentatore.

La persona fermata dopo l’esplosione alla Port Authority aveva un tubo-bomba addosso che è esploso accidentalmente quando il sospetto si trovava su una banchina della metropolitana di New York attorno alle 7:30 del mattino. Lo ha detto una fonte ufficiale – che ha chiesto l’anonimato – alla Associated Press. Sia il fermato, sia un’altra persona rimasta ferita, non sono in pericolo di vita, ha aggiunto la fonte.

Le linee della metropolitana di New York A, C e E sono state evacuate. Il Port Authority Bus Terminal è la più grande stazione di pullman degli Stati Uniti. Ogni giorno vi transitano 230.000 persone.

“Questa e’ New York, la nostra realta’, quella con cui dobbiamo fare i conti. Siamo un obiettivo internazionale“, ha detto il governatore dello stato di New York, Andrew Cuomo, commentando l’esplosione di stamattina. “Dobbiamo andare avanti tutti insieme”(ANSA).




Con il furgone contro recinzione di uno stabile a Busto Arsizio: ferito il conducente

BUSTO ARSIZIO, 10 dicembre 2017- All’alba di oggi vesro le 5  un furgone dopo aver perso il controllo del veicolo ha urtato un auto in sosta e abbattuto la recinzione di uno stabile in via Quitino Sella.

Sul posto personale sanitario e  vigili del fuoco intervenuti con un’autopompa e un fuoristrada attrezzato per incidenti stradali, hanno messo in sicurezza i veicoli e collaborato con il personale sanitario per soccorrere il ferito.




A Como vince la democrazia: migliaia di persone hanno manifestato contro xenofobia e nazifascismo

COMO, 9 dicembre 2017- di GIANNI BERALDO-

A Como vince la democrazia. Migliaia di persone- nonostante il freddo intenso-si sono date appuntamento questa mattina a partire dalle 11, sul lungolago della città lacuale assurta agli onori della cronaca per quanto accaduto nei giorni scorsi, quando un gruppo formato da 12 ragazzi nazifascisti sono entrati nella sede del comitato “Como senza Frontiere” (associaizone formata da volontari dediti all’aiuto delle persone immigrate), una costringendo i presenti a leggere un volantino riportanti frasi deliranti e xenofobe  esaltando di fatto la “razza” italiana.

Xenofobia, razzismo, fascismo, uso della forza o parole intimidatorie: insomma un mix esplosivo per ogni democrazia che purtroppo in Italia si sta facendo largo anche attraverso rappresentanti politici locali legalmente eletti dai cittadini.

Migliaia di persone alla manifestazione di Como

Una situazione alla quale bisogna porre rimedio in fretta e senza troppi tentennamenti.

Questo è quanto ha pensato im primis Walter Veltroni seguito a ruota dal ministro Maurizio Martina, lanciando l’idea di una grande manifestazione a Como in risposta a tutto ciò.

Tante le personalità poltiche che hanno aderito spontaneamente: a partire da Matteo Renzi alla presidente della Camera Laura Boldrini che evidenzia come <<Siamo qui a Como per dire no al fascismo. Tutte le forze politiche democratiche dovrebbero fare fronte comune. E’ preoccupante che ci sia chi non consideri un problema la propaganda fascista>>.

In merito ai numeri della manifestazione, il vicesegretario del Pd, Maurizio Martina, ha parlato di “oltre diecimila persone”.

“Una bellissima giornata”, è stato il commento del segretario del Pd, Matteo Renzi.

“Contro i rigurgiti fascisti e chi inneggia all’intolleranza la miglior risposta è la partecipazione, la solidarietà, l’impegno per i valori della Costituzione. Sono idealmente insieme a tutte le persone che hanno scelto di essere a Como oggi.#equestoèilfiore”. Così il Presidente del Senato, Pietro Grasso, su twitter.

Smuele Astuti

Alla manifestazione presente anche una folta rappresentanza del Partito Democratico di Varese e provincia -con in testa il segretario provinciale Samuele Astuti- oltre ai Giovani Democratici che hanno organizzato pullman per trasferta.

direttore@varese7press.it




Incidente sulla A36 all’altezza uscita Solbiate Olona


SOLBIATE OLONA, 7 dicembre 2017- Questa mattina alle 11.30, i vigili del fuoco del distaccamento di Busto/Gallarate, sono intervenuti sull’autostrada A36, direzione Como all’altezza dell’uscita di Solbiate Olona, per incidente stradale.

Per cause ancora in fase di accertamento due veicoli pesanti e un’autovettura si sono scontrati.
I vigili del fuoco intervenuti con un’autopompa e un fuoristrada attrezzato per incidenti stradali, hanno messo in sicurezza i veicoli, estratto uno dei conducenti mediante l’uso di cesoia/divaricatore e collaborato con il personale sanitario per soccorrere i feriti. Si sono registrati disagi per la circolazione.