Prima vittoria del Club Italia contro Cantu’

 

CANTU’, 11 dicembre 2017-Si trasforma in un incubo la trasferta a Bracciano del Pool Libertas Cantù contro il Club Italia, fanalino di coda del girone, che festeggia il suo primo 3-0 e la sua seconda vittoria stagionale contro un’irriconoscibile squadra brianzola.
Decisivo per il risultato finale il secondo set non chiuso dai canturini questa sera in crisi anche nei punti di forza, ovvero al servizio, in ricezione e con l’attacco dei due brasiliani.

Coach Luciano Cominetti propone il sestetto degli ultimi tre successi consecutivi. Ovvero Baratti palleggiatore in diagonale con Caio, Ricardo e Cominetti laterali, Monguzzi e Robbiati al centro e Butti libero. Dall’altra parte Monica Cresta si affida Recine e Gardini schiacciatori, Salsi in regia in diagonale con Cantagalli, Cortesia e Russo al centro e Federici libero.

Brutto impatto sul match per il Pool Libertas, che pure era andata in vantaggio sul servizio flot di Robbiati fino 5-7. Poi qualcosa si spegne. I romani crescono al servizio e a muro. Proprio con due muri il Club Italia sorpassa Cantù 9-8 e poi un ace di Recine per il 10-8. Sul punto successivo Cominetti è costretto a chiamare time-out. Ma c’è sempre il muro degli azzurrini fino al 14-8, poi Recine manda out.

Ancora il muro del Club Italia a fare male a Cantù e Cantagalli a chiudere i punti 17-9 per i padroni di casa, con un nuovo time-out chieso da Cominetti. Siano sul 18-13, dentro Piazza e Suraci ed è 18-14. Cresta chiama time-out. Risolve ancora Cantagalli 19-14, quindi Recine fa il 20 e il 21. Sbaglia Cominetti in ricezione 23-15, poi si fa perdonare con un bell’attacco. Dall’altra parte è uno dei figli d’arte, Recine a colpire fino al punto 24. Ace di Salsi e il Club Italia chiude 25-17.

Nel secondo parziale Cominetti conferma il sestetto e la squadra parte decisamente meglio. Caio ha preso le misure del muro avversario e Cominetti al servizio vola fino al 2-5, confermato dal videocheck.

Un secondo videocheck dà il 3-6 a Cantù. Caio chiude un bello scambio prolungato per il 4-7. Torna in palla il Club, ma il muro di Robbiati fa il 6-8. Ancora Robbiati a fare pesare la sua esperienza 7-9. Sbaglia Gardini su un bello scambio ed è 8-11. Roby Cominetti colpisce al servizio e in pipe fino al 9-13. Ricardo riporta la palla nel campo brianzolo 11-14. Ancora Robbiati a trascinare Cantù in attacco, ma gli azzurrini non mollano.

Cantù allunga fino al 15-19. Ma il Club Italia torna prepotentemente nel set fino al 18-19, con time-out chiesto da Cominetti. La squadra ospite non gira bene. Meno male che c’è Ricardo a fare il 20. Dall’altra parte risponde Gardini. Il videocheck ribalta un errore di Recine 20-21, poi ancora Ricardo di prepotenza 20-22. Doppio cambio di Cantù, ma il Club chiude in due tempi 21-22, risolto ancora da Ricardo 21-23, poi 22-23 ancora con il muro degli azzurrini e il servizio di Recine 23-23, 24-23 e 25-23. E’ un duro colpo per Cantù.

I brianzoli sono costretti a rincorrere anche nel terzo parziale. Si parte 9-6 per il Club Italia, con Cantù che fatica a chiudere i punti e in ricezione. Ci prova Caio, ma anche dai 9 metri non è incisivo come al solito. Cominetti prova a cambiare la regia, dentro Piazza per Baratti. Il distacco si riduce 12-10, ma il Club Italia è ormai inarrestabile, 13-12 e 14-12. Ci si mette anche la fortuna a favorire gli azzurrini con due ace propiziati dal net.

Una gran botta di Cantagalli fa il 16-13, risponde Caio, 16-15 e Crestra chiede time-out.

Al rientro è il solito Recine a risolvere 18-15. Quando proprio lo stesso schiacciatore va al servizio siamo già sul 21-17 e Caio manda fuori per 22-17. Cantagalli fa anche il 23. Prova la rimonta il Pool Libertas, Caio schiaccia a terra il 23-21, con Robbiati al servizio, time-out per il Club Italia. Errore in battuta dei brianzoli e Sperotto entra per il primo match point. Caio dice no. Muro su Cantagalli per il 24-23, ma sulla palla successiva di Gardini il Club Italia può festeggiare il più rotondo dei risultati.

E’ abbattuto e contrariato coach Liciano Cominetti al termine del match. “Non so cosa dire, oggi Pool Libertas non pervenuto. Abbiamo giocato una partita da schifo in un weekend da schifo, che era partito male”. L’allenatore dei brianzoli analizza poi il momento chiave del match, quel secondo set che Cantù non è riuscita a chiudere.

“Abbiamo giocato due volte primo tempo con il muro a due mentre potevamo allargare il gioco, sono errori che si pagano – dice il coach – ho provato a cambiare qualcosa anche in attacco, visto la non buona serata di Caio e di Ricardo, ma niente. Pure Suraci che è un giocatore che in allenamento picchia tutti i palloni, stasera non forzava. Peccato, perché partite come queste fanno dimenticare tutto il bene fatto fino a questo momento. Ci stava perdere contro una squadra così giovane e dal grande potenziale, l’ho detto all’inizio dell’anno, ci sta soccombere anche 3-0 contro formazioni così che non hanno nulla da perdere, ma noi questa sera abbiamo lasciato tre punti e pure la faccia”.
Innegabile l’ottima prestazione degli azzurrini, come ammette lo stesso coach. “Loro non hanno sbagliato niente, ma noi li abbiamo aiutati – commenta – Nel primo set abbiamo battuto sempre facile e anche negli altri, solo Roberto (Cominetti ndr) ha cercato sempre il punto. Dall’altra parte facevano tanti errori, ma anche 5 ace. Le partite si vincono osando. Adesso non abbiamo tempo per piangerci addosso, perché mercoledì abbiamo una sfida difficilissima contro la capolista. Partita che speravo di affrontare con un diverso passato, ma pazienza, guardiano avanti”.

CLUB ITALIA CRAI ROMA 3
POOL LIBERTAS CANTU’ 0
(25-17, 25-23, 25-23)

CLUB ITALIA CRAI ROMA: Salsi 1, Cantagalli 14, Gardini 12, Recine 9, Cortesia 11, Russo 9, Federici (L1), Sperotto 1. N.E.: Panciocco, Baciocco, Mosca, Stefani, Motzo, Dal Corso, Rondoni (L2). All: Cresta, 2° All: Roscini

POOL LIBERTAS CANTU’: Baratti, Caio 9, Ricardo 8, Cominetti 9, Monguzzi 5, Robbiati 5, Butti (L1), Piazza, Suraci 4. NE: Danielli, Frattini. All: Cominetti, 2° All: Redaelli.

Arbitri: Marco Laghi e Matteo Selmi

 

 




Openjobmetis Varese torna alla vittoria dominando Capo D’Orlando

VARESE, 10 dicembre 2017-Torna al successo la Pallacanestro Openjobmetis Varese che si impone con il risultato di 82 a 58 sulla Betaland Capo d’Orlando. Vittoria schiacciante per la compagine biancorossa che, presa per mano da un Tyler Cain lussuoso (10/10 da 2 e 14 rimbalzi per un totale di 39 di valutazione), ha ritrovato i due punti dopo tre ko di fila e si prepara con fiducia all’anticipo di sabato 16 in quel di Reggio Emilia (palla a 2 alle ore 20:30).

La partita è equilibrata fin dall’inizio, con gli ospiti che si portano avanti grazie a Ikovlev, Delas e Kulboka e i padroni di casa che rispondono con Okoye e Cain che a 3′ dalla prima sirena firmano il 10-10. La perfetta parità dura fino alla bomba di Okoye che, precisa, timbra il 17-14 del 10′.


La Openjobmetis mantiene il vantaggio in apertura di secondo periodo con Ferrero. A fare la differenza in campo, però, è la difesa dei ragazzi di coach Caja che permette loro di allungare in maniera decisiva con Tambone che, al 18′, firma dalla lunetta il +14 (38-24). Maynor e Atsur provano a ricucire, ma al 20′ è ancora Varese a guidare con sicurezza: 41-30.

La ripresa è ancora di stampo biancorosso. Nonostante le triple di Kulboka, infatti, la Openjobmetis mantiene il vantaggio dilagando sul +18 (65-47) sfruttando la serata di grazia di Cain, un fattore sotto canestro. Al 30′ il gap è ancora più ampio: +20 (67-47).
Sulle ali dell’entusiasmo Varese gestisce alla grande il vantaggio riuscendo a dilagare ulteriormente. Alla fine il risultato si ferma sul definitivo 82-58.

Ecco le parole di coach Attilio Caja al termine di Pallacanestro Openjobmetis Varese-Betaland Capo d’Orlando:«Ovviamente sono molto soddisfatto della partita di questa sera. Devo dire che a fin qui siamo dove ci aspettavamo di essere: abbiamo fatto un buon percorso di crescita e anche oggi abbiamo dimostrato di avere una difesa solida e consistente, una difesa sulla quale possiamo fare affidamento e che non ci ha mai tradito. Anche in attacco abbiamo dimostrato di poter giocare assieme, di essere una squadra. Oggi i giocatori usciti dalla panchina hanno avuto un impatto importante e grazie ad una grande energia hanno fatto cose egregie. Mi fa piacere per tutti come mi fa piacere per Cain che rimesso in quintetto ha risposto con una partita di grande livello. Ma anche Wells e Tambone in difesa su Maynor hanno fatto benissimo riuscendo a limitare Eric ad un solo assist. Questo era il nostro obiettivo prima della partita ed esserci riusciti è per noi molto importante. Siamo molto felici per il risultato e il pubblico ancora una volta ha apprezzato quello che la squadra ha fatto in campo. Stasera, come sempre, al palazzetto c’era una bellissima atmosfera e questa dev’essere la nostra forza. Adesso andiamo avanti sapendo che abbiamo ancora tanti margini di crescita, i ragazzi hanno tanta volontà e grazie al lavoro quotidiano potremo fare tanti passi avanti».

PALLACANESTRO OPENJOBMETIS VARESE-BETALAND CAPO D’ORLANDO: 82-58

Pallacanestro Openjobmetis Varese: Avramovic 9, Pelle 2, Bergamaschi ne, Natali, Okoye 14, Seck ne, Tambone 8, Cain 22, Ferrero 14, Wells 4, Waller 9, Hollis. Coach: Attilio Caja.

Beataland Capo d’Orlando: Alibegovic 3, Maynor 9, Ihring 2, Atsur 10, Kulboka 9, Laganà ne, Delas 8, Wojciechowski 5, Stella ne, Ikovlev 12, Donda ne. Coach: Gennaro Di Carlo.

Arbitri: Begnis – Borgioni – Giovannetti.

Parziali: 17-14; 24-16; 26-17; 15-11. Progressivi: 17-14; 41-30; 67-47; 82-58.

Note – T3: 9/24 Varese, 9/34 Capo d’Orlando; T2: 23/39 Varese, 14/25 Capo d’Orlando; TL: 9/13 Varese, 3/5 Capo d’Orlando. Rimbalzi: 39 Varese (Cain 14), 27 Capo d’Orlando (Ikovlev 9); Assist: 19 Varese (Wells 7), 12 Capo d’Orlando

(www.pallacanestrovarese.it)




La Canottieri Varese vince la Coppa Italia ai Campionati Italiani di San Giorgio di Nogaro

SAN GIORGIO DI NOGARO, 10 dicembre 2017 – Sul canale dell’Ausa Corno, a San Giorgio di Nogaro, sono stati assegnati i titoli italiani di Gran Fondo – ultimi della stagione 2017 – nelle specialità del singolo e del due senza. A recitare la parte del leone è il CC Saturnia, che vince ben cinque titoli italiani: due senza Ragazzi femminile, due senza Senior maschile, due senza Senior femminile, due senza Pesi leggeri maschile e singolo Esordienti maschile. Doppiette tricolori per SC Lario (singolo Ragazzi maschile, singolo Pesi Leggeri femminile), CC Aniene (singolo Senior femminile, singolo Under 23 femminile) e SC Padova (singolo Senior maschile, singolo Under 23 maschile).

I restanti nove titoli italiani in palio se li aggiudicano altrettante società: Santo Stefano (singolo Ragazzi femminile), CUS Ferrara (due senza Ragazzi maschile), SC Firenze (due senza Under 23 maschile), Moto Guzzi (due senza Junior maschile), DLF Treviso (singolo Junior maschile), SC Garda Salò (due senza Junior femminile), CUS Pavia (singolo Pesi Leggeri maschile), CT Aetna (singolo Junior femminile) e Pontemilvio (singolo Esordienti femminile). Ad aggiudicarsi la classifica a punteggio della Coppa Italia di Gran Fondo di Società è la SC Varese con 1238 punti; al secondo posto il CC Saturnia con 1097 e al terzo la Canottieri Gavirate con 1093,25.




Marcel Hirscher vince a Val D’Isere: Stefano Gross primo tra gli italiani

Stefano Gross durante la seconda manche

VAL D’ISERE, 10 dicembre 2017-Marcel Hirscher non ci sta a mantenere l’ottavo posto ottenuto dopo la prima manche dello slalom di Val d’Isère, e mette in pista una seconda frazione dirompente, che non trova avversari e permette al campione austriaco di conquistare la vittoria numero 47 della carriera, la seconda della stagione dopo quella nel gigante di Beaver Creek. Seconda piazza per Henrik Kristoffersen, a 39 centesimi da Hirscher e capace di recuperare tre posizioni nella seconda. Va a podio anche Andre Myhrer, che mantiene lo stesso posto conquistato a metà gara.
Gara difficile, con una seconda tracciatura estremamente angolata che ha rallentato di tre secondi gli atleti e disputata sotto una fitta nevicata. Stefano Gross ha combattuto come un leone, come sempre fa il fassano quando le condizioni sono difficili. Un paio di errori gli sono costati particolarmente cari e Gross ha terminato la gara al sesto posto, con 76 centesimi di ritardo da Hirscher, dopo aver guidato la classifica di metà gara. Gross mostra comunque un ottimo stato di forma che fa ben sperare per la gara in casa di Madonna di Campiglio.
Bravo anche Cristian Deville, al rientro in Coppa del mondo e capace di raggiungere la seconda manche, pur essendo partito con il pettorale numero 49. Nella seconda Deville ha recuperato quattro posizioni, chiudendo al 23/o posto finale. Un buon rientro per il vincitore dello slalom di Kitzbuehel 2012.
Non si erano qualificati gli altri azzurri, ed in particolare Giuliano Razzoli e Riccardo Tonetti si sono fermati al 31/o e 32/o posto. Aveva inforcato Manfred Moelgg, dopo poche porte dal via.
L’appuntamento con i rapid gates è per la classica 3Tre di Madonna di Campiglio del prossimo 22 dicembre.

Ordine d’arrivo SL maschile Val d’Isère (Fra):
1         HIRSCHER Marcel     AUT     +0.55     8     +0.30     2     7 ▲     1:41.94
2         KRISTOFFERSEN Henrik     NOR     +0.41     5     +0.83     5     3 ▲     1:42.33     +0.39
3         MYHRER Andre     SWE     +0.21     3     +1.04     8     ◄     1:42.34     +0.40
4         MATT Michael     AUT     +0.19     2     +1.21     9     2 ▼     1:42.49     +0.55
5         NORDBOTTEN Jonathan     NOR     +0.79     13     +0.75     4     8 ▲     1:42.63     +0.69
6         GROSS Stefano     ITA     49.00     1     +1.61     20     5 ▼     1:42.70     +0.76
7         DOPFER Fritz     GER     +0.53     7     +1.27     10     ◄     1:42.89     +0.95
8         HARGIN Mattias     SWE     +0.38     4     +1.53     15     4 ▼     1:43.00     +1.06
9         FOSS-SOLEVAAG Sebastian     NOR     +0.42     6     +1.59     18     3 ▼     1:43.10     +1.16
9         SCHWARZ Marco     AUT     +2.01     28     52.09     1     19 ▲     1:43.10     +1.16
11         HIRSCHBUEHL Christian     AUT     +1.08     17     +0.95     7     6 ▲     1:43.12     +1.18
12         LIZEROUX Julien     FRA     +0.63     10     +1.41     12     2 ▼     1:43.13     +1.19
13         GRANGE Jean-Baptiste     FRA     +0.68     11     +1.51     14     2 ▼     1:43.28     +1.34
14         MEILLARD Loic     SUI     +1.54     25     +0.87     6     11 ▲     1:43.50     +1.56
15         NESTVOLD-HAUGEN Leif Kristian     NOR     +1.07     16     +1.56     17     1 ▲     1:43.72     +1.78
16         HADALIN Stefan     SLO     +2.07     30     +0.70     3     14 ▲     1:43.86     +1.92
17         TRIKHICHEV Pavel     RUS     +1.42     20     +1.38     11     3 ▲     1:43.89     +1.95
18         STEHLE Dominik     GER     +1.45     21     +1.42     13     3 ▲     1:43.96     +2.02
19         RYDING Dave     GBR     +1.01     15     +2.03     22     4 ▼     1:44.13     +2.19
20         NOEL Clement     FRA     +1.51     24     +1.59     18     4 ▲     1:44.19     +2.25
21         DIGRUBER Marc     AUT     +1.47     22     +1.83     21     1 ▲     1:44.39     +2.45
22         KHOROSHILOV Alexander     RUS     +1.27     19     +2.19     23     3 ▼     1:44.55     +2.61
23         DEVILLE Cristian     ITA     +1.96     27     +1.53     15     4 ▲     1:44.58     +2.64
24         MUFFAT-JEANDET Victor     FRA     +0.98     14     +2.74     24     10 ▼     1:44.81     +2.87
25         SCHMID Philipp     GER     +1.47     22     +2.92     25     3 ▼     1:45.48     +3.54
26         KETTERER David     GER     +2.03     29     +4.21     26     3 ▲     1:47.33     +5.39




Pallanuoto: Busto Arsizio vince anche la gara di ritorno contro Stella Rossa Belgrado in Len Euro Cup

BUSTO ARSIZIO, 10 dicembre 2017- È strepitosa l’impresa compiuta dalla Pallanuoto Banco BPM Sport Management che supera anche nella gara di ritorno, dei quarti di finale di Len Euro Cup, la Stella Rossa Belgrado e centra il pass per le semifinali di coppa. Partita ai limiti della perfezione per la giovanissima squadra di mister Marco Baldineti (il sette che inizia la gara, con Nicosia e Panerai in vasca, ha appena 22 anni di media) che controlla il match dall’inizio alla fine.

La Pallanuoto Banco BPM Sport Management parte a razzo, con i Mastini che già nel primo parziale mettono in cassaforte la qualificazione: un gol di Baraldi e un altro di Fondelli, uniti alla doppietta realizzata da Pietro Figlioli, valgono il 4-1 che è più di una garanzia, in ottica del passaggio alle semifinali, per i bustocchi. Il capitano degli ospiti Tanaskovic prova, con una tripletta, a tenere in partita i suoi, ma Figlioli risponde con la stessa moneta e con tre gol del capitano azzurro i padroni di casa controllano senza problemi (9-4 alla fine del secondo tempo).

Nel terzo parziale si mette ancora una volta in evidenza il giovanissimo portiere azzurro Gianmarco Nicosia che dietro fa buona guardia mentre davanti sono Fondelli, Mirarchi e Di Somma a gonfiare fino al 12-5 il vantaggio casalingo. L’altro giovanissimo del Banco BPM Federico Panerai (altro attaccante di razza) firma il gol del 15-7 dopo 5’ del quarto tempo, parziale che poi si chiude con il 15-8 finale che vale il passaggio del turno.

Le semifinali si giocheranno rispettivamente il 24 gennaio e il 28 febbraio 2018. Passano il turno e accedono alle semifinali anche gli ungheresi del ferencvaros Budapest (che supera Kazan), e del Miskolci VLC (che eliminano lo Spartak Volgograd) e il CN Masiglia (che nel doppio confronto sconfigge lo Jadran Spalato). Nei prossimi giorni i sorteggi per definire gli accoppiamenti delle due semifinali. La Pallanuoto Banco BPM Sport Management tornerà in vasca il prossimo 16 dicembre nel match esterno contro il CN Posillipo. Da lunedì Edoardo Di Somma, Andrea Fondelli, Valentino Gallo e Gianmarco Nicosia si ritroveranno in azzurro a Ostia per il collegiale dell’Italia che si chiuderà il 13 dicembre. Per la seconda volta consecutiva sarà proprio la società bustocca la squadra con più rappresentati nel Settebello (4 più dei 3 a testa di Pro Recco e AN Brescia).

Marco Baldineti: (allenatore Pallanuoto Banco BPM Sport Management): “La squadra che ha iniziato aveva un’età media 22 anni, e questa è una cosa positiva per noi. Ho voluto provarli per una partita importante subito dall’inizio e hanno risposto bene e nel primo tempo abbiamo messo al sicuro il risultato”.

PALLANUOTO BANCO BPM SPORT MANAGEMENT 15
STELLA ROSSA BELGRADO 8

PARZIALI: 4-1; 5-3; 4-3; 2-1.

PALLANUOTO BANCO BPM SPORT MANAGEMENT: Lazovic, Di Somma 1, Blary 1, Figlioli 4, Fondelli 2, Petkovic 2, Drasovic 1, Gallo, Mirarchi 1, Luongo, Baraldi 2, Panerai 1, Nicosia. All.: Baldineti.

STELLA ROSSA BELGRADO: Dobozanov, Tankosic 1, Radovic, Bursac, Suberic, Ilic, Njegovan, Toholj, Nikolov 1, Tanaskovic 4, Stojanovic 2. All.: Savic.

NOTE: Spettatori 800. Per la Pallanuoto Banco BPM Sport Management in porta Gianmarco Nicosia, per la Stella Rossa Belgrado Todorovski. Usciti per falli: Bursac (Stella Rossa Belgrado). Pallanuoto Banco BPM Sport Management: 3/6. Stella Rossa Belgrado: 2/8 + 1rig.




La vita di Marco Pantani diverrà un film prodotto a Hollywood: inizio riprese primavera 2018

VARESE, 10 dicembre 2017- Gli ultimi giorni di vita di Marco Pantani, nel 2018 diverranno un film- prodotto addirittura a Hollywood-con una trama teatrale che indagherà su quanto possa essere realmente accaduto al campione di Cesenatico in quel piccolo resort di provincia. Il titolo è già stato definito e sarà :”L’affare Pantani”

La società di produzione e distribuzione americana è la Little Studio Films he lavorerà con la società di produzione italiana Mr.Arkadin Film e il regista italiano Domenico Ciolfi in un. Pantani è stato ampiamente considerato uno dei migliori scalatori della sua era nelle corse professionistoche su strada.

Little Studio Film- che girerà il film in  partnership con la produttrice italiana Alexia Melocchi e la produttrice greca Alexandra Yacovlef – ha una lista di film da produrre per il prssomi anno, tutti dedicati a importanti eventi che di fatto sono entrati nella storia a livello internazionale. L’affare Pantani sarà dunque il primo film di questa nuova serie.

Attualmente in fase di completamento il casting per la scelta degli attori.

Il film inizierà le riprese nell’aprile 2018 in Italia, sostenuto da fondi governativi e crediti d’imposta, oltre a investitori privati. Il regista Domenico Ciolfi, regista televisivo e commerciale di successo, sta producendo attraverso il suo sig. Arkadin Films insieme a Monica Camporesi.

<<Il ruolo di Pantani sarà interpretato da tre attori diversi, due dei quali italiani, mentre la terza fase della vita di Pantani sarà interpretata da un attore di lingua inglese-sottolinea Ciolfi- Alcuni noti attori britannici, americani e spagnoli girano il film per quello che potrebbe essere un ruolo da vincitore.

Sono già presenti due stelle del cinema italiano, Vinicio Marchioni e Gian Marco Tognazzi, oltre a ruoli di supporto di Michele Placido e Gigi Proietti

<<crediamo che la vita drammatica di Marco Pantani e il mistero che circonda la sua morte sia un storia umana che piacerà a un vasto pubblico, non solo agli appassionati di sport>>, aggiunge Melocchi.

redazione@varese7press.it




Pallanuto Busto Arsizio sabato in vasca contro la Stella Rossa Belgrado

BUSTO ARSIZIO, 8 dicembre 2017-Scenderà in vasca domani alle ore 19.30 alle piscine Manara di Busto Arsizio (VA) la Pallanuoto Banco BPM Sport Management impegnata nella gara di ritorno dei quarti di finale di Len Euro Cup contro la Stella Rossa Belgrado. All’andata in Serbia era stata la formazione guidata da mister Marco Baldineti a imporsi (nonostante le assenze di Blary e Baraldi), grazie a un successo maturato a cavallo tra terzo e quarto tempo che aveva portato i Mastini dal 5-5 al decisivo 10-5 finale. Un vantaggio importante dunque in vista della sfida di ritorno per la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che, però, non dovrà cadere nell’errore di sottovalutare gli avversari, con i serbi che arriveranno a Busto Arsizio sicuramente pronti a vendere cara la pelle.

È proprio questo il monito di mister Marco Baldineti che spiega: “Sarà una partita importante e il 10-5 dell’andata non deve farci sentire tranquilli, ma dovremo giocare forte fin dall’inizio. Bisognerà tenere alta la concentrazione perché secondo me la strada è quella. Se giochiamo con la concentrazione, la grinta e la determinazione sono sicuro che possiamo portare a casa anche la qualificazione alla semifinale”.

A far eco alle parole del tecnico dei Mastini è l’attaccante Stefano Luongo protagonista del match di campionato vinto mercoledì sempre in casa contro il CC Napoli: “Quello contro la Stella Rossa sarà un match importantissimo che non dobbiamo assolutamente sottovalutare. Lì da loro abbiamo fatto un’ottima partita in un campo difficile, ma noi abbiamo tenuto bene per i primi due tempi e mezzo poi ce ne siamo andati via. Spero che il fattore casalingo conti per noi come è contato fino ad adesso e mi auguro che faremo un’ottima partita”.

Sarà possibile acquistare i biglietti d’ingresso a partire dalle ore 18.30. Questo i prezzi:
0-14 anni: gratis
dipendenti e tesserati Sport Management: gratis
14-18 anni: ridotto 6
18+ anni: 10 euro

Alla partita presenzieranno atleti e tecnici provenienti da diversi dei centri Sport Management gestiti in Italia, inoltre saranno presenti anche i tesserati della società La Fenicia di Verbania. Prima della sfida tra Pallanuoto Banco BPM Sport Management e Stella Rossa Belgrado sono in programma una serie di amichevoli a partire dalle ore 16.00.

 




Pallanuoto BPM Busto Arsizio strapazza Napoli nello scontro diretto

Stefano Luongo

BUSTO ARSIZIO, 6 dicembre 2017-Centra la quinta vittoria consecutiva la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che consolida il suo terzo posto in classifica grazie al successo per 14-6 nello scontro diretto contro il Circolo Canottieri Napoli. Un successo molto importante per i Mastini che sfruttano un’ottima prova di Luongo che con tre reti guida i suoi alla vittoria.

Il primo gol del match porta la firma del rientrante Drasovic che sblocca il risultato e firma in superiorità l’1-0 casalingo. Campopiano pareggia, poi sono due acuti di Luongo a cavallo tra primo e secondo tempo a dare il 3-1 ai Mastini. Massimiliano Di Martire accorcia, ma con Di Somma e Gallo i padroni di casa alla seconda pausa sono avanti 6-3. Per la Pallanuoto Banco BPM Sport Management è ancora una volta decisivo il terzo tempo, con la formazione padrona di casa che rientra in vasca con tutto un altro piglio e con i gol e a gli assist di Luongo il sette di mister Baldineti decolla e vola sul 10-5. Il parziale casalingo si gonfia ulteriormente nel quarto tempo e il break di 5-0 dei Mastini proietta la Pallanuoto Banco BPM Sport Management al 12-5 a -4’ dalla sirena finale. La partita si chiude qui e gli ultimi minuti del match servono solo a fissare il risultato finale con i padroni di casa che vincono 14-6.
Successo dunque per i Mastini: il modo migliore per la Pallanuoto Banco BPM Sport Management di approcciarsi alla gara di ritorno dei quarti di finale di Len Euro Cup che sabato alle ore 19.30 vedrà i bustocchi impegnati alle Piscine Manara di Busto Arsizio contro la Stella Rossa Belgrado (all’andata in Serbia vittoria per 10-5 del sette di mister Baldineti).
Marco Baldineti (allenatore Pallanuoto Banco BPM Sport Management): “Vittoria importante contro una buona squadra che era reduce da successi importanti come a Savona e a Trieste. È una squadra con buonissimi giocatori che l’anno scorso è arrivata terza e questa vittoria è merito dei giocatori e della squadra che ha fatto un’ottima partita”.

TABELLINI
PALLANUOTO BANCO BPM SPORT MANAGEMENT 14
CIRCOLO CANOTTIERI NAPOLI 6
PARZIALI: 2-1; 4-2; 4-2; 4-1.
PALLANUOTO BANCO BPM SPORT MANAGEMENT: Lazovic, Di Somma 1, Blary 1, Figlioli 1, Fondelli, Petkovic 3, Drasovic 1, Gallo 2, Mirarchi 2, Luongo 3, Baraldi, Valentino, Nicosia. All.: Baldineti.
CIRCOLO CANOTTIERI NAPOLI: Rossa, Buonocore 1, Del Basso, Confuorto, Giorgetti, M. Di Martire 2, Dolce 1, Campopiano 1, La Penna, Velotto 1, G. Di Martire, Esposito, Vassallo. All.: Zizza.