Dalla parte dei bambini, un libro e un convegno giovedì spiega i vari metodi educativi.

Varese, 21 febbraio 2012- Due opportunità da non perdere: un libro come spunto di documentazione ed un convegno aperto a tutti per confrontarsi ed aprirsi ad ogni metodo educativo che veda ben integrato e al centro della scena lo studente tra scuola, famiglia e società.

E’ ricco di motivi d’interesse l’evento di scena a Varese GIOVEDI’ 23 FEBBRAIO, ore 17.30, nella sala Montanari – ex cinema Rivoli, piazza Bersaglieri 2.

Patrocinato dal Comune di Varese – sostenuto dall’Assessore alla Famiglia e alla Persona, Enrico Angelini e organizzato da due insegnanti varesine, Pina Rea e Antonella Galgano, con la collaborazione dell’associazione genitori “Crescere Insieme” presieduta da Massimo Ghiringhelli –  l’incontro prende l’ispirazione dalla presentazione del libro di Grazia Honegger Fresco, da sempre in prima linea nella difesa dei diritti dell’infanzia: la celebre pedagoga ha a lungo sperimentato la forza innovativa delle proposte montessoriane –dalla nascita alle soglie dell’adolescenza – nelle Maternità e nei Nidi, nelle Case dei Bambini e nelle Scuole elementari. Di origini romane, vive dagli anni Sessanta nel Varesotto, a Castellanza: da qui svolge una febbrile opera editoriale e di documentazione.

Molto atteso l’intervento di Cleopatra D’Ambrosio, psicologa e psicoterapeuta che da tempo si occupa di formazione per operatori psico-sociali e di disagio di bambini ed adulti, approfondendo il tema della violenza, nelle diverse forme e delle sue conseguenze in ambito evolutivo. Dal canto suo, la dirigente didattica di Bolzano, Heidi Niederkofler baserà il suo intervento partendo dall’esperienza della sua scuola primaria e scuola media nella quale gli adulti hanno sempre più fiducia nei ragazzi e sempre meno paura di scelte di libertà. L’integrazione tra dirigenti, insegnanti e genitori può essere possibile ovunque, se si crede in una scuola dalla parte dei giovani studenti.
Atteso il contributo di Flaviana Robbiati, da 35 anni maestra elementare in una Scuola Primaria di Milano, quartiere popolare Rubattino: ha intrapreso con successo, insieme ad altre insegnanti, l’esperienza educativa d’incontro, solidarietà ed integrazione con bimbi rom seguiti dalla Comunità di Sant’Egidio.

Sono attese esperienze e contributi di altri educatori, magistrati, amministratori pubblici e genitori.

Alla vigilia del convegno di giovedì 23 febbraio 2012 ore 17.30, le insegnanti organizzatrici e l’Assessore comunale varesino, Enrico Angelini hanno precisato in un breve incontro preparatorio: “L’azione educativa deve avvenire nel pieno rispetto della soggettività ed unicità del minore, del suo patrimonio familiare, genetico, culturale, con le sue peculiarità, non condizionate da dover essere altro da sé! Crediamo che, proprio in un periodo di turbative economiche e spaesamento culturale a vari livelli, i valori dell’educazione e dei diritti-doveri dei bambini debbano tornare a volare alto, con educatori e genitori capaci di confrontarsi ed aprirsi con coraggio partendo da valide esperienze e visioni profonde”.

 

 




Attivo unitario Cgil, Cisl e Uil giovedì al De Filippi di Varese.

Varese, 20 febbraio 2012-  E’ per venerdì 24 febbraio l’attivo unitario dei pensionati Cgil, Cisl e Uil, che si terrà al De Filippi a partire dalle ore 9.

La riunione sarà l’occasione per fare il punto e valutare i risultati conseguiti in merito alla Negoziazione Sociale Territoriale nella nostra Provincia.

Durante l’attivo verrà presentata la piattaforma unitaria di negoziazione sociale del sindacato confederale e del sindacato dei pensionati.

La piattaforma unitaria di negoziazione sociale  ha lo scopo di contribuire:

a qualificare la programmazione Sociale di Comuni e Piani di Zona;

a rendere l’esercizio delle funzioni amministrative più aderente alle effettive esigenze dei pensionati, dei lavoratori e dei cittadini (sia dotandosi di strumenti adeguati alla lettura dei bisogni, sia stimolando le Amministrazioni ad effettuare periodicamente indagini sulla qualità dei servizi).

La giornata sarà inoltre l’occasione per una riflessione sull’attuale situazione politico sindacale relativa alle pensioni e allo stato sociale.

La riunione prevede il seguente programma:

 

·        Ore   9,00 Apertura dei lavori da parte del Segretario dei Pensionati UILP Varese, Alfonso Giammarino

·        Ore   9,30    Relazione di  Roberto Bianchi, della Segreteria FNP-CISL

·        Ore 10,15    Dibattito con l’intervento di Franco Stasi, Segretario Generale CGIL- Varese

·        Ore 12,15    Interv. conclusivo di Anna Bonanomi, Segretario Generale Regionale SPI-CGIL

 

 




Segnalazione: associazioni di Napoli chiedono fondi non autorizzati dal Ponte del Sorriso

Varese, 20 febbraio 2012-La tutela del benefattore deve sempre essere garantita da ogni associazione seria. E l’obiettivo di ogni raccolta fondi deve essere trasparente e dichiarato. Questo in linea di principio. Scontato dire che non sempre è così. Come fondazione Il Ponte del Sorriso Onlus e come Comitato Tutela Bambino in Ospedale ci sentiamo in dovere di avvisare che in alcuni centri commerciali della provincia di Varese continuano ad essere presenti membri di associazioni di clown di Napoli che giocando con parole e fotografie inducono le persone a credere che siano volontari operativi nelle pediatrie del nostro territorio e che raccolgano fondi per esse. Ma non è così. Non mettendo in dubbio le loro finalità, ci teniamo a sottolineare che non sono autorizzati a chiedere soldi per conto del Ponte del Sorriso o delle pediatrie di Varese, Busto Arsizio, Saronno, Cittiglio e Tradate.




Si parla di terremoto rischi e prevenzione al Circolo di Casbeno.

Varese, 20 febbraio 2012-Secondo appuntamento con “Eventi duemiladodici” il programma di incontri culturali proposto dal Circolo di Casbeno. Giovedì 23 febbraio (ore 20.45), nel rinnovato salone di via Milazzo 35, è in programma l’intervento del professor Alberto Marcellini su un tema di grande attualità che ha di recente toccato anche la comunità varesina

Il terremoto: rischio e prevenzione

Tutti infatti ricorderanno che meno di un mese fa, il 27 gennaio alle 15.55, Varese è stata colpita da una scossa sismica con epicentro in Emilia Romagna e nel Parmense di magnitudo 5.4 della scala Richter. Una precedente scossa era stata avvertita la mattina del 25. Altre scosse meno forti sono state avvertite nel recente passato.

La città di Varese e tutta l’area insubrica sono classificate dagli esperti a basso rischio sismico ma alla luce di quanto accaduto è lecito chiedersi se sia ancora così o qualcosa è cambiato? A questo interrogativo risponderà il professor Marcellini, direttore dell’Istituto per la Dinamica dei processi Ambientali del CNR (Consiglio Nazionale delle ricerche), docente all’Università degli Studi di Milano e Project Leader di numerose iniziative scientifiche a livello internazionale.

“Eventi duemiladodici”, con il Patrocinio del Comune di Varese, è un’iniziativa culturale a chilometro zero che dà voce a personalità che proprio da Casbeno sono partite. E’ il caso del professor Alberto Marcellini nato nel 1948 proprio nella Castellanza.

 




CTBO Varese: una bella storia di volontariato che ieri ha compiuto 20 anni.

Varese, 18 febbraio 2012-“Non mi è mai capitato di vedere un’esperienza di volontariato che dura da vent’anni con così tanta intensità ed entusiasmo, che germoglia in ogni periodo dell’anno, capace di incidere sugli indirizzi operativi”. Sono queste le parole con cui Giovanni Daverio, neo direttore dell’Asl di Varese ha iniziato il suo intervento in occasione della convention del Comitato Tutela Bambino in Ospedale, venerdì  17 febbraio all’Atahotel di Varese, per festeggiare i suoi primi vent’anni di attività. Una serata  gioiosa ed emozionante che ha toccato nel cuore gli oltre 250 ospiti intervenuti, tra volontari, medici e figure storiche delle strutture sanitarie del  territorio. Ospiti importanti, ritrovati anche con qualche  difficoltà, che Emanuela Crivellaro, presidente del CTBO, ha fortemente voluto in questa serata perché la crescita dell’associazione si deve anche ad ognuno di loro. Non solo dunque un’occasione di festa, ma anche un viaggio nella storia della sanità’ della provincia di Varese. A partire da quel lontano 18 febbraio 1992, quando con alcune amiche con cui aveva condiviso l’esperienza del ricovero di un figlio piccolo, Emanuela decise di fondare l’associazione. A ricordare passo dopo passo le battaglie e i traguardi raggiunti c’erano il dott. Renzo Tellini, primo DG dell’Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi con cui il CTBO mosse i suoi primi passi, il dr. Andrea Larghi, memoria storica dell’ospedale, il dr. Pietro Zoia, per otto anni Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Busto Arsizio, l’indimenticabile prof. Francesco Cattaneo, oggi 81enne che ha portato a Varesela Terapia Intensiva Neonatale e l’altrettanto indimenticabile dr. Roberto Giorgetti, fino ad un anno fa Direttore del Dipartimento Materno Infantile di Busto. Anche il Direttore Generale dell’AO di Busto Arsizio, dr. Armando Gozzini ha portato i suoi saluti. E’ inoltre intervenuta la dott.ssa Anna Iadini, responsabile di presidio del Ponte del Sorriso. E naturalmente erano presenti i primari dei reparti pediatrici dove il CTBO è attivo: il prof. Luigi Nespoli, il dr. Massimo Agosti, la dott.ssa Lilia Reali, la dott.ssa Alessandra Stifani, il dr. Carlo Baldioli, per Varese e Cittiglio, il dr. Giovanni Montrasio e il dr. Marco Sala per Saronno e Tradate.

Tanti ricordi e un ringraziamento unanime da parte di tutti loro agli oltre 350 volontari dell’associazione che garantiscono 365 giorni all’anno la loro presenza a Varese, Busto Arsizio, Tradate, Saronno e Cittiglio. Tra un complimento alla tenacia e riconoscimenti alla perseveranza del gruppo, non sono mancate le battute e i toni scherzosi. “L’attività del CTBO è un’attività paramilitare” ha affettuosamente dichiarato il prof. Marco Sala elogiando l’impegno e il rigore che il CTBO trasmette ad ogni suo volontario e che poi si concretizza in una presenza fissa e costante, programmata e organizzata su più turni non solo nelle cinque pediatrie, ma anche nella Terapia Intensiva Neonatale di Varese. “L’importanza del volontario è fondamentale anche qui – ha spiegato  il dott. Massimo Agosti – La sua presenza da’ forza alla mamma, che a sua volta la trasmette al neonato che, a sua volta ancora, la dona a noi medici. Noi medici da soli non possiamo andare molto lontano, ma tutti assieme possiamo arrivare davvero in alto”.

Un grazie convinto anche quello del brillante Assessore allo Sport del Comune di Varese Maria Ida Piazza, che ha sottolineato l’importanza di una struttura dedicata ai bambini, il Ponte del Sorriso.

“Ridere e sorridere” l’argomento di un breve simpatico filmato comico che Leonardo Manera e Ale e Franz hanno dedicato ai volontari CTBO, seguiti da una breve relazione sul sorriso in corsia a cura di Claudio Papa.

Premiate poi le volontarie che quest’anno sono ben 10 anni che aiutano i bambini a guarire giocando: Rossella Sirsi, Anna Pinna, Anna Maria Selvi, Rosy Caneva, Tiziana Faverio, Paola Castelli, Gabirella Biancardi, Caterina Calabrese, Angela Coira. E quelle di 15 anni di attività: Marinella Marin, Gabriella Bareggi, Emanuela Colombo, Maria Danesin, Adriana Stevenazzi, Laura Adamoli, Paola Briogliata, Marta Betti.

Con la forza di un gruppo coeso, motivato e unito da una fortissima motivazione, l’amore per i bambini, il CTBO ha così spento le sue prime venti candeline. Senza nostalgie dei tempi passati, tutt’altro. Con tanti obiettivi ancora da raggiungere, per tenere sempre desta quella cultura dell’attenzione verso il neonato, il bambino e l’adolescente che in questi anni ha sempre messo al primo posto nella sua quotidiana battaglia.

Emanuela Crivellaro

Presidente CTBO

 




Sabato gazebo informativo contro la Cava Nidoli-Italinerti.

Varese, 17 febbraio 2012- Acquaria Varese organizza per domani, sabato 18 febbraio, alle ore 15, un gazebo informativo in Piazza Montegrappa, per ribadire le ragioni del NO alla Cava Nidoli-Italinerti.

Invitiamo tutti i cittadini, i politici e gli amministratori locali a partecipare.

La Regione Lombardia ha annunciato che la decisione finale sullo stralcio verrà presa entro pochi giorni. Auspichiamo che la volontà dei cittadini venga rispettata e che l’acqua di Varese venga salvaguardata. Ci auguriamo che la Collina dei tra Scali non venga deturpata nel nome del profitto economico perchè se fosse il sì a vincere il territorio di Varese subirebbe un danno economico ed ambientale inestimabile.

Acquaria Varese

 

 




Venerdì sciopero personale ferroviario: nessun problema per Trenord che funzionerà regolarmente.

Varese, 16 febbraio 2012 – In occasione dello sciopero indetto da alcune organizzazioni sindacali del personale di RFI Rete Ferroviaria Lombardia (Gruppo FS), domani, venerdì 17 febbraio, il servizio Trenord avverrà secondo le seguenti modalità:

sulle linee della rete RFI, dalle ore 9:00 alle ore 17:00, potranno verificarsi soppressioni totali o parziali. Sempre su questa rete, il servizio Trenord sarà regolare durante le fasce a maggior affluenza di viaggiatori, da inizio servizio e fino alle ore 9 e dopo le ore 18;

sulle linee della rete FERROVIENORD, dove non è previsto lo sciopero del personale, il servizio Trenord sarà regolare.

Durante l’orario dello sciopero, a partire dalle ore 9, il sito di Trenord (www.trenord.it) sarà continuamente aggiornato: verranno segnalati i servizi Trenord che non subiranno variazioni e quelli che eventualmente potranno subire variazioni a causa dello sciopero di RFI, che potrebbe causare la chiusura di alcune linee.

Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi al numero verde del Contact center Trenord 800.500.005, operativo tutti i giorni dalle 7 alle 21.

 

 

 




Due stand dedicati al territorio varesino alla BIT di Milano.

Varese, 16 febbraio 2012-Nell’edizione 2012 della BIT, il territorio varesino è rappresentato in due postazioni (area laghi e turismo attivo) nel vasto e articolato stand della Regione Lombardia dove le bellezze di un territorio attrattivo a più livelli e per più target sono evidenziate con video, brochure, gadget e incontri con la Stampa e gli operatori di settore.

Al centro la direttrice dell'Agenzia Paola Della Chiesa

Nelle postazioni assegnate alla nostra provincia primeggia il nuovo materiale promozionale “blue green” realizzato dall’Agenzia del Turismo e già presentato la settimana scorsa alla Stampa locale. La nuova linea di brochure propone  contenuti in più lingue che vanno dai siti UNESCO all’enogastronomia o ai percorsi culturali e turistici per i diversamente abili.

La realizzazione del nuovo materiale si è giovata della collaborazione degli studenti dell’Istituto Linguistico Manzoni di Varese per le traduzioni in lingua inglese e tedesca. Da sottolineare  il coinvolgimento di una trentina di ragazzi dell’ITPA Casula di Varese che si alterneranno nel corso delle 4 giornale della Borsa del Turismo, a stretto contatto con i visitatori per proporre il nuovo materiale promozionale nonché quello vario messo a disposizione dalle strutture ricettive del Varesotto.

Nella giornata di sabato saranno in postazione anche i volontari delle varie sezioni del CAI provinciale per la promozione  dei sentieri della 3V attraverso la distribuzione della mappa escursionistica per gli amanti del trekking prealpino.

Il Direttore dell’Agenzia del Turismo, Paola Della Chiesa, coordinatrice dell’area dedicata al Varesotto, ha voluto sottolineare come “la promozione del territorio lombardo attraverso aree tematiche sia sicuramente innovativa e di maggior appeal per i turisti provenienti da tutto il  mondo attratti da un esteso e ben attrezzato complesso paesaggistico e culturale più che da un  singolo territorio. La Lombardia – ha proseguito il Direttore – pur essendo un’area omogenea nella sua operosità e cultura sa offrire  attrattive di vario genere legate ai monti, ai laghi, ai parchi. Luoghi dove si sta rafforzando un alto livello di ricettività ovunque riconosciuta e apprezzata. In questo contesto –  ha concluso Paola Della Chiesa – la nostra provincia sa essere vincente sia nell’offerta relativa all’area dedicata ai laghi sia in quella del turismo attivo”.