Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

I sindacati denunciano l’inefficienza del numero unico 112

VARESE, 5 settembre 2019-Si susseguono su tutto il territorio nazionale le segnalazioni per le inefficienze del numero unico per le emergenze NUE 112 e naturalmente la nostra provincia non è da meno.

Malgrado in questi anni si sono ampiamente dimostrate le incomprensioni e i ritardi generati da una sala operativa “terza”, ovvero formata da operatori non appartenenti ad alcuna forza di Polizia o di Soccorso, che alla fine funge solo da centralino che smista le chiamate di soccorso con i ritardi e i mancati allertamenti che questo comporta; come spesso accade per gli incidenti stradali.

Nonostante da molto tempo rappresentanti sindacali dei vari enti preposti al soccorso e alla sicurezza, forze di polizia e operatori del soccorso, si sia chiesto ripetutamente e a gran voce di rivedere la struttura tutti gli appelli sono caduti nel vuoto, mentre i problemi sono rimasti. Siamo tutti concordi a chiedere di adottare il sistema già utilizzato in tutti gli altri paesi europei, ovvero una sala operativa unificata, dove all’interno sono presenti gli operatori dei vari enti, i quali si possano interfacciare direttamente tra loro e abbreviare le tempistiche di intervento.

E per l’ennesima volta descriviamo i fatti: in data 3 settembre un escursionista si è perso nei boschi della Val Dumentina, come riportato poi dagli organi di stampa in perfette condizioni di salute, l’uomo ha chiamato il NUE 112 perché non ritrovava più la strada, la telefonata invece 2 di essere inoltrata ai vigili del fuoco (ente preposto a questo tipo di richieste) è stata trasferita al soccorso sanitario. La sala operativa del 118, tuttavia invece di attivare l’ente preposto ha preferito gestire autonomamente la ricerca, facendo alzare in volo un elicottero medicalizzato (con i costi che questo comporta) distogliendo così tale velivolo, preposto più ad un soccorso sanitario sicuramente più consono, per effettuare una ricerca e recupero in montagna in barba a tutti i protocolli e accordi, come tra l’altro specificato nella circolare inviata a tutti i Sig. Prefetti con protocollo n. 6249 del 11-05-2016 a firma del Capo Dipartimento VVF.

Ora di questa gestione da “primatisti” noi ce ne guardiamo bene, poiché non è mai stato nel nostro DNA, né mai lo sarà, la nostra missione è arrivare il prima possibile dove ci sono da salvare vite ed i beni, mettendo a repentaglio, a volte la nostra stessa incolumità e crediamo che queste dovrebbero essere le motivazioni stesse che dovrebbero muovere tutti i soccorritori, indipendentemente dal colore della divisa…. con la vita delle persone non si deve giocare, magari per riempire qualche dato statistico… per l’ennesima volta “denunciamo” questa gestione che si discosta dai principi stessi del soccorso a beneficio di chissà cosa o chi … ci riserviamo tuttavia di informare la competente Procura della Repubblica al fine di accertare quanto avvenuto, il tutto nell’interesse collettivo.

image_pdfimage_print
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 5 Settembre 2019. Filed under Sanità,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.