“Let’s Science!”, a Lugano progetto di divulgazione scientifica organizzato da Fondazione IBSA

0
164
LUGANO, 5 novembre 2019-“Uno scienziato tra noi”: sarà questo il fil rouge che legherà dall’11 al 16 novembre gli appuntamenti previsti a Lugano nell’ambito di Let’s Science! il progetto di divulgazione scientifica ideato da Fondazione IBSA, in collaborazione con la Sezione dell’insegnamento medio del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS). La presenza delle donne e degli uomini di Scienza si manifesterà in vari modi: innanzitutto, con una serie di laboratori (Lab esperienziali) a Villa Saroli, durante i quali otto gruppi di studenti delle scuole medie ticinesi dialogheranno con le ricercatrici e i ricercatori.
Ma è previsto anche un incontro pubblico al LAC, sabato 16 novembre alle 17.00, che vedrà come protagonista l’astronauta italiano Paolo Nespoli, uno dei più conosciuti e apprezzati a livello internazionale, detentore del record europeo di permanenza nello spazio (313 giorni, 2 ore e 36 minuti). Avremo in quell’occasione “Un astronauta tra noi”. L’ingresso sarà libero e gratuito.
MOSTRA e FUMETTI
Per tutta la settimana 11-16 novembre la Limonaia di Villa Saroli, in viale Stefano Franscini 9, ospiterà una mostra delle tavole a fumetti ideate e sceneggiate dagli studenti di quattro classi delle scuole medie ticinesi, su temi legati alla salute e al benessere della persona.
Anche in questo caso l’ingresso sarà gratuito, con orario 8.30-18.00 (sabato 16 la mostra sarà aperta dalle 9.00 alle 12.00).
I fumetti sono tratti dai primi quattro volumi della nuova collana Let’s Science! realizzata da Fondazione IBSA in collaborazione con il DECS. Questi i titoli:
– “E da oggi cambio vita. Mangiare bene… per vivere bene” (Scuola media di Massagno);
– “Muoviamoci! I benefici di una vita in movimento” (Scuola media Lugano 1);
– “Cuore e cervello si parlano… Come i due organi interagiscono” (Scuola media di Tesserete);
– “Le onde e noi. Cosa sappiamo sulle onde elettromagnetiche” (Scuola media di Caslano).
Ogni volume è stato realizzato in collaborazione con uno o più scienziati (Andrea Danani, Maria Cristina Marini, Francesco Oliva, Lucilla Titta, Giuseppe Vassalli). La collana è pubblicata dall’editore Carocci e verrà diffusa gratuitamente alle scuole e ai cittadini che ne faranno richiesta. I disegni sono della Scuola romana dei Fumetti, diretta da Stefano Santarelli.
LAB ESPERIENZIALI
Ma torniamo, più nel dettaglio, allo scienziato tra noi e agli incontri dei ragazzi con i ricercatori, a Villa Saroli. Da lunedì 11 a venerdì 15, ogni giorno due gruppi di studenti delle medie ticinesi parteciperanno ai laboratori con gli esperti che hanno contribuito a realizzare i volumi a fumetti. A ogni incontro sarà presente anche Davide Paglia, animatore di ScuolaZoo (il noto portale degli studenti), e Riccardo Colosimo, disegnatore della Scuola Romana dei Fumetti. Prima o dopo il laboratorio, che durerà mezza giornata (mattina o pomeriggio), i ragazzi si sposteranno nella nuova sede de L’ideatorio USI, a Cadro, per continuare il loro incontro con la scienza e assistere a una presentazione del cielo stellato, nel planetario.
La serie di Lab esperienziali è riservata agli studenti, mentre l’incontro con Paolo Nespoli (sabato 16 alle 17.00 nella Hall del LAC di Lugano) sarà aperto a tutti, come dicevamo, e lascerà ampio spazio alle domande del pubblico, e soprattutto a quelle dei ragazzi che vorranno partecipare. Nespoli ha una lunga attività come astronauta, ricercatore e anche divulgatore (ha scritto, fra l’altro, il libro “Dall’alto i problemi sembrano più piccoli”, edito da Mondadori). Laureato in ingegneria aerospaziale e meccanica, ha alle spalle una carriera militare e tre missioni sulla Stazione spaziale internazionale (nel 2007, 2010 e 2017). L’incontro con Nespoli è promosso da IBSA Group, nell’ambito delle attività di Responsabilità Sociale.
«I ragazzi sono sempre più esposti a notizie che riguardano temi scientifici e ambientali – dice Silvia Misiti, direttore di Fondazione IBSA – ed è fondamentale che abbiano a disposizione informazioni serie e approfondite su questi argomenti, per poter poi costruire una propria serie di idee solide e meditate. Da sempre siamo impegnati in questo settore, e ci battiamo contro le fake news, che nel mondo scientifico sono numerosissime».
Aggiunge Nicolò Osterwalder, consulente didattico del DECS per le Scienze naturali: «Il Ticino è un luogo importante per la Scienza, ricchissimo di iniziative e di istituzioni e aziende impegnate in questo settore, ma ben pochi studenti lo sanno. Parlare con i ricercatori, dialogare in modo diretto, potrà aiutare i ragazzi a capire bene cosa fanno gli scienziati per la collettività, e potrà anche ispirarli nella futura scelta professionale e di progetto di vita al termine della scuola obbligatoria».
All’inaugurazione della settimana Let’s Science! saranno presenti Roberto Badaracco, Capo Dicastero Cultura, Sport ed Eventi e Luigi Di Corato, direttore della Divisione Cultura della Città di Lugano. «Queste iniziative – spiega Di Corato – si inseriscono bene nella nuova organizzazione del settore cultura della Città, che prenderà l’avvio in gennaio. La cultura scientifica e tecnologica va considerata come uno dei pilastri fondanti del sapere contemporaneo e spesso grazie a una serie di contaminazioni tra scienza e arte, permette a tutti noi di considerare punti di vista inediti su ciò che ci circonda. Le iniziative di Fondazione IBSA rientrano in questo filone e aiutano anche a rendere accessibili concetti che sembrano davvero difficili da afferrare a chi non ha strumenti specifici.»
Per maggiori informazioni visita il sito ibsafoundation.org.
image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui