Recensione: ”Il marchio di Artemide”, nuovo romanzo di Giampiero Del Corno

0
944
VARESE, 16 novembre 2019-Da poco tempo commissario, la giovane e bella Gaia Safformenti si trova da subito a fare i conti con una significativa carenza di risorse, che inevitabilmente le rende difficile il lavoro. Quando però emerge pian piano un traffico spietato di organi nella Milano da bere, e un killer che si firma Artemide inizia a compiere i suoi delitti, per il nuovo commissario e i suoi uomini ci sarà molto da fare. Torna in libreria Giampiero Del Corno con il suo “Il marchio di Artemide”. Edito dalla BookSprint Edizioni, l’opera si inserisce nel classico filone della narrativa dei gialli, di cui l’autore è innovatore.
La trama. Mentre il commissariato è alle prese con un feroce e disumano traffico di organi, Milano comincia a fare la conta delle vittime di un nuovo serial killer. La sua firma è quella di Artemide, dea greca della caccia e del tiro con l’arco, alle cui “prede” riserva un destino ben peggiore della morte. Inizialmente senza nessun apparente movente e con difficoltà a trovare anche solo un indizio, il commissario Safformenti si mette sulle tracce dell’omicida, ma dovrà superare ostacoli di ogni tipo, tra cui anche una giustizia ufficiale che sembra insufficiente…
288 pagine ricche di emozioni e di suspense, di elementi di sorpresa e che tengono il lettore incollato al libro dall’inizio fino alla fine, in un continuo crescendo che culminerà nell’atteso epilogo. Punto focale è sicuramente il messaggio che l’autore vuole trasmettere: riflettere cioè sulla giustizia, sul suo senso reale, che spesso collide con i meccanismi che invece regolano l’operato della magistratura. Il tutto nella classica forma che solo un esperto di gialli come Giampiero Del Corno sa fare.
Nato a Milano, città in cui sono ambientati tutti i suoi romanzi, nel 1956, Giampiero Del Corno, dopo il diploma scientifico e la laurea all’Università Luigi Bocconi, indirizzo commerciale, ha intrapreso la carriera di informatico. Sposato e con due figlie, passa il suo tempo libero tra la famiglia (all’attivo anche due nipotine), lo sport e la lettura. “Il marchio di Artemide” è solo la sua ultima fatica. In precedenza, e sempre per la BookSprint Edizioni, ha infatti pubblicato: “La stanza della gallina” (212 pagine – 2013); “Il respiro di Leonida” (210 pagine – 2014); “Il tempo di agire” (254 pagine – 2015); “Lo spettro di Cassandra” (260 pagine – 2015); “Il soffio della vipera” (242 pagine – 2016) e “Oltre i limiti del male” (262 pagine – 2018, finalista a Casa Sanremo 2019).
image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui