A Palazzo Pirelli studenti delle scuole superiori lombarde simulano una seduta dell’Assemblea delle Nazioni Unite

0
581

MILANO, 23 gennaio 2020 – “Alle ultime elezioni amministrative nella nostra regione nel 2019 in 240 comuni su 900 si è presentata una sola lista, non c’è stata competizione. Si fa fatica a trovare le persone che vogliono impegnarsi e, se questo è il trend, il livello del merito e della competenza si abbasserà sempre di più. Abbiamo necessità di intervenire per risvegliare nelle persone la voglia di partecipare e interessarsi alla vita pubblica delle nostre comunità e per farlo dobbiamo partire da voi, da iniziative come questa che incentivano l’ascolto, il dialogo e il confronto e che sono il sale della democrazia. Vi invito pertanto a continuare a vivere quest’esperienza nella vostra quotidianità, dal mondo associativo a quello civile e politico. Se nei prossimi 30 anni crescerà significativamente la partecipazione, ci sarà senza dubbio un’Italia migliore.”
Lo ha sottolineato il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi intervenendo questa mattina a Palazzo Pirelli all’Italian Model United Nations (IMUN), evento che costituisce la più grande simulazione di processi diplomatici organizzata dalla United Network; questi momenti sono destinati a studenti di scuole medie superiori che si cimentano e approfondiscono i temi oggetto dell’agenda politica internazionale, indossando i panni di ambasciatori e diplomatici e simulando riunioni dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.
Nel rivestire questo ruolo, gli studenti “delegati” svolgono le attività tipiche della diplomazia: tengono discorsi, preparano bozze di risoluzione, negoziano tra loro e imparano le regole procedurali delle Nazioni Unite.
L’iniziativa è giunta quest’anno alla quarta edizione e ha coinvolto anche scuole provenienti da altri Stati europei, assumendo così un’importanza e un valore maggiore in sede comunitaria.

Il Consiglio regionale –ha ricordato in conclusione il Presidente Fermi promuove e organizza numerose visite formative per le scuole lombarde con l’obiettivo di avvicinare la platea dei giovani al mondo della politica, ospitando spesso in Aula consiliare gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado per simulare quello che succede nelle sedute consiliari”.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui