Al Ma.Ga. di Gallarate una domenica ricca di eventi

0
324

GALLARATE, 6 febbraio 2020-Si preannuncia come una giornata speciale, ricca di eventi, quella di domenica 9 febbraio 2020, al MA*GA di Gallarate (VA).

S’inizia alle 10.30, con la prima delle 4 Quiet Mornings, il progetto promosso dal MA*GA e da Rhamni scuola di yoga Gallarate, a cura del Dipartimento Educativo del MA*GA e Laura Dajelli, che propone quattro workshop/atelier tra culture, arti visive e ricerca interiore.

Tale progetto coniuga il panorama delle arti visive a quello della meditazione, attraverso l’approfondimento di alcuni temi centrali per entrambe le discipline: l’equilibrio, sguardo e visione, ritmo e movimento e le intenzioni.

Le domeniche mattina – dalle 10.30 alle 12.00 – si articolano in due momenti, uno dedicato alla meditazione con esercizi corporei di yoga e uno di visita davanti a una o più opere selezionate in base al tema del giorno.

Il primo appuntamento – domenica 9 febbraio – affronterà il tema dell’equilibrio, fondamentale argomento sia per lo yoga sia per le opere d’arte che prevedono una composizione degli elementi al loro interno; le opere di riferimento saranno “Spazio elastico” di Gianni Colombo e “Ambiguità” di Atanasio Soldati.

La serie d’incontri sarà preceduta, sabato 8 febbraio, alle ore 16.00, dalla lezione di Giuliano Boccali (ingresso gratuito) dal titolo Suono, silenzio, meditazione fra India e mondo contemporaneo. La realtà del “suono” è in India complessa e sfaccettata; i gradi del dispiegamento del divino nella manifestazione trovano un parallelo preciso nel dispiegamento dei suoni da quelli non percepibili con l’udito al linguaggio articolato e ai suoi riflessi sul razionale. Ne deriva che il ritorno dal mondano all’interiorità e al trascendente sia concepito come percorribile (quasi) solo lungo un itinerario dal suono al silenzio, silenzio delle parole e dei pensieri.

Nel pomeriggio di domenica 9 febbraio, alle ore 17.30, si terrà lo spettacolo Umberto Boccioni. Arte-vita di Roberto Floreani, promosso dall’Assessorato alla cultura del Comune di Gallarate e dal MA*GA.

 

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui