La polemica: “In queste settimane di emergenza a Saronno nessuno parla”

0
658
Il sindaco Alessandro Fagioli

SARONNO, 17 marzo 2020-E calò il silenzio. Dal palazzo di vetro di piazza Repubblica non filtra neppure un fiato. Tacciono Sindaco, Giunta, Dirigenti, Collaboratori vari. Saronno Sette, già uso ai proclami roboanti, si limita ora agli orari degli uffici. Gli esperti della comunicazione a suo tempo ingaggiati tacciono. In realtà non è neppure certo che esistano ancora. Un capolavoro: neppure la STASI raggiungeva tali livelli di segretezza.

E’ bene che i cittadini non sappiano. Se qualche saronnese desidera notizie della sua città, deve ricorrere così ai sentito dire o alle generiche indicazioni della Regione, o ancora ai media locali, che comunque gradirebbero ricevere indicazioni da chi è maggiormente deputato a fornirne.

È bene che nessuno sappia. Il silenzio è d’oro. Perché informare i cittadini? Notizie cattive potrebbero ingenerare allarmismo, notizie buone una rischiosa sicumera …

La gestione della crisi determinata dalla pandemia da parte dell’amministrazione saronnese non è altro che il riassunto del comportamento tenuto dalla stessa nei cinque anni del suo mandato. L’assoluta e conclamata incapacità di dialogare con i cittadini trova oggi la sua apoteosi.

Le amministrazioni di tutte le cittadine circonvicine hanno istituito regolari canali di comunicazione, una comunicazione veritiera e insieme incoraggiante. La nostra no, e così la cittadinanza è al buio. Fortuna che c’è abituata.

Alfonso Indelicato

Consigliere comunale indipendente eletto a Saronno

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui