Riorganizzati in soli 5 giorni gli spazi dei quattro ospedali della ASST Valle Olona

0
377
L’Ufficio tecnico dell’Ospedale di Busto Arsizio, Massimiliano Mastroianni è il primo sulla sinistra

BUSTO ARSIZIO, 18 giugno 2020 – Si chiama Massimiliano Mastroianni, ha 49 anni, è bustocco di nascita e milanese di adozione. E’ l’ingegnere che guida l’Ufficio tecnico dell’ASST Valle Olona, a cui è toccato il compito di riorganizzare gli spazi dei quattro Ospedali (Busto Arsizio, Gallarate, Saronno e Somma Lombardo) travolti dall’emergenza della pandemia.

Come si ricorderà, il primo malato Covid-19 arriva in Ospedale a Busto Arsizio il 28 febbraio.

“Dalla fine di febbraio agli inizi di aprile, abbiamo ricavato nei nostri quattro Presidi una superficie complessiva di circa 23mila metri quadrati destinata a ospitare i malati di Coronavirus – racconta -. Busto Arsizio ha avuto 6 reparti Covid (oltre il settimo piano del Polichirurgico, che ha ospitato un Pronto soccorso e una terapia intensiva dedicate), Saronno 8 reparti Covid (oltre un Pronto soccorso e una Terapia intensiva dedicate), Gallarate 3 reparti Covid, Somma Lombardo 1 reparto Covid.

I nuovi reparti hanno generato circa 350 posti letto per pazienti Covid-19 e circa 40 posti letto di Terapia intensiva (con un aumento di circa 16 posti letto rispetto agli ordinari)”.

I lavori principali di allestimento hanno riguardato l’installazione di compartimentazioni in cartongesso con relative porte atte a delimitare e definire i percorsi di accesso e uscita dai reparti sia dei pazienti che degli operatori. Sono state quindi individuate delle zone di vestizione e svestizione del personale dedicate per permettere al personale di indossare i dispositivi di protezione individuali necessari quali: mascherine, camici idrorepellenti, visiere, sovra scarpe e cuffie di protezione del capo, ecc.

Nelle terapie intensive sono state realizzate delle separazioni in plexiglass tra le zone controllo “pulite” e le zone dei box “pazienti”. Ove gli impianti di trattamento aria lo permettevano, sono stati inoltre posti in pressione negativa gli ambienti dei reparti Covid-19.

Nell’allestimento dei reparti, sono state inoltre implementate alcune forniture che hanno permesso al personale di lavorare con miglior efficienza. Fra queste si possono citare: la fornitura di radiotrasmittenti (che hanno permesso una più rapida comunicazione tra il personale che operava direttamente nel reparto e il personale appena fuori dalla zona rossa); la fornitura di accessori vari per gli impianti gas medicinali (quali sdoppiatori di prese di aria e ossigeno e flussimetri); l’installazione di nuovi impianti telefonici (con l’apertura di nuovi numeri dedicati).

“Tutto quanto fatto da un punto di vista strutturale e impiantistico per fronteggiare l’emergenza Covid-19 è stato possibile grazie a un lavoro di squadra: tutto il personale del Servizio tecnico in collaborazione con Direzione strategica, l’Ingegneria clinica, il Provveditorato, il Servizio sistemi informativi, la Logistica e la Prevenzione – riprende l’ingegner Mastroianni -.  Questa sinergia ha contribuito in maniera determinante alla possibilità di curare.

Non bisogna poi dimenticare che, con l’allestimento dei nuovi reparti Covid-19, le Direzioni Mediche e i Sitra (Servizio tecnico riabilitativo aziendale), hanno dovuto necessariamente recuperare personale e formare delle équipe medico-infermieristiche dedicate a questi nuovi spazi.

Tale cambiamento organizzativo (necessario non solo per curare i pazienti di Coronavirus, ma anche per dare la garanzia di continuità nella cura di importanti patologie come quelle dell’area oncologica), ha avuto come conseguenza una trasformazione strutturale e impiantistica delle unità operative con spostamenti (in tempi ristrettissimi) di interi reparti ospedalieri in nuove sedi.

Un esempio su tutti riguarda i reparti di Ematologia e il Day hospital oncologico dell’Ospedale di Busto Arsizio.

Precisamente, le degenze di Ematologia sono state trasferite all’ottavo piano del Padiglione Polichirurgico e il Day Hospital Oncologico è stato trasferito al 4° piano del Padiglione Ostetricia, Ginecologia e Pediatria (OGP). Per dare un’idea dei tempi, da quando è stato deciso di trasferire questi due reparti a quando è stato realizzato il trasferimento, sono passati 5 giorni lavorativi.

Oltre ai traslochi, in questi 5 giorni, si è provveduto a:

  • realizzare la messa a norma dell’impianto elettrico delle degenze dell’ottavo piano del Padiglione Polichirurgico;
  • adeguare i servizi igienici dell’ottavo piano;
  • installare l’impianto tv;
  • eseguite opere da serramentista con l’installazione di nuove compartimentazioni in alluminio;
  • realizzare un nuovo impianto di rete dati per il 4° piano del Padiglione OGP;
  • mettere a norma e potenziare l’impianto elettrico del 4° piano del Padiglione OGP;
  • realizzare le tinteggiature di questi due “nuovi” reparti.

Accanto a questi lavori sono state implementate diverse altre attività tra cui si possono ricordare:

  • potenziamenti degli impianti di stoccaggio e distribuzione dei gas medicinali (nella fase più critica siamo arrivati a quadruplicare i consumi di ossigeno medicale);
  • la plastificazione e apposizione di nuova cartellonistica;
  • gestione degli impianti elevatori con fermate e impianti dedicati ai reparti Covid-19;
  • apposizione di dispositivi in plexiglass vari per sportelli front office;
  • apposizione di segnaletica varia per realizzare percorsi dedicati e barriere per il distanziamento sociale.

“Ora siamo nella cosiddetta fase 2 e non ci fermiamo perché è importante continuare ad accogliere in sicurezza i malati “no Covid” – conclude l’ingegner Mastroianni -. Mi permetto di dire che in questa grande esperienza di dolore ho potuto anche constatare l’esperienza di un grande amore. L’amore per il proprio lavoro non solo di medici e infermieri ma anche dei “tecnici” e, non ultimi: degli elettricisti, degli idraulici, dei muratori che hanno permesso e tuttora permettono, insieme ai professionisti sanitari, di accogliere e curare al meglio i nostri pazienti”.

 

Afferma il Direttore sanitario dell’ASST Valle Olona, dottoressa Paola Giuliani: “Senza l’unità operativa complessa Tecnico patrimoniale i nostri medici e i nostri professionisti sanitari non avrebbero potuto operare in sicurezza. Il lavoro dell’équipe condotta dall’ingegner Mastroianni ha reso possibile lavorando letteralmente giorno e notte, festivi e feriali, che fossero installate protezioni e tutele di spazi e strumenti fondamentali per la vita di pazienti e operatori. Grazie alla professionalità e all’intelligenza del cuore di tutto lo staff, in tempi rapidissimi abbiamo ribaltato gli Ospedali per affrontare l’emergenza prima e per ripristinare oggi. Grazie ai tecnici e alle loro famiglie, il cui supporto ha permesso che avvenisse tutto ciò. Un grande gioco di squadra che ha vinto”.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui