Azione Cattolica in assemblea a Villa Cagnola di Gazzada Schianno

0
376
Villa Cagnola sedde dell'incontro

VARESE, 8 settembre 2020-Per la prima volta, domenica 13 settembre l’Azione cattolica ambrosiana celebra un’unica assemblea, ma decentrata in otto sedi sul territorio.
L’assise dei delegati che ogni tre anni si raduna per votare le linee associative ed eleggere il Consiglio e la Presidenza diocesana era stata sospesa all’ultimo momento lo scorso 23 febbraio a causa dello scoppio della pandemia.

Ora, adottate tutte le precauzioni anti-Covid-19, è stata riconvocata per domenica 13
settembre e radunerà i delegati nelle sette zone pastorali nelle quali è suddivisa la
diocesi di Milano, in modo da evitare assembramenti.
Per la zona pastorale di Varese l’assise si riunisce alle 15 a Villa Cagnola di Gazzada Schianno. Alle 16 tutte le assemblee decentrate si collegheranno in videoconferenza con la sede dell’Azione cattolica di via Sant’Antonio a Milano per gli emendamenti al Documento finale e la votazione finale del documento. La zona di Varese conta un centinaio di delegati all’assise, in rappresentanza delle parrocchie e dei decanati. Nello stesso luogo saranno aperti i seggi per l’elezione del Consiglio diocesano.
Per l’occasione sarà fatta menzione del socio più anziano della zona: si tratta di
Giulia Bottinelli, di Appiano Gentile, nata il 2/10/1919.
Da quando è in vigore l’attuale statuto nazionale, approvato nel 1969, l’Azione
cattolica è l’associazione ecclesiale con la più larga partecipazione democratica
al suo interno. Per l’Ac ambrosiana i delegati all’assemblea costituiscono circa il
10% dei soci, direttamente coinvolti nella definizione delle linee associative.
«In vista dell’assemblea i gruppi sul territorio hanno fatto un grande lavoro di
riflessione e preparazione», conferma Silvia Landra, presidente diocesana uscente
dell’Azione cattolica ambrosiana.

I coniugi Zambon

«Una delle domande centrali che ci siamo fatti è stata: “Come l’Azione cattolica”
mi ha cambiato la vita?”. Dalle risposte emerge che la qualità del cammino di
formazione è tra i temi più citati. È l’elemento che più siamo pronti a promuovere
e presentare agli altri, sapendo quanto bene ha fatto a noi e quanto la
formazione associativa ci permette di essere solidi e pronti nei tanti contesti nei
quali viviamo la vita quotidiana».
Come testimonia il ritratto di due soci dell’Azione cattolica della zona pastorale di
Varese che proponiamo qui sotto.
RITRATTI DI SOCI DELLA ZONA DI VARESE
Paolo e Maria Zambon di Gallarate
La coppia che in Curia si occupa di famiglia
Paolo e Maria Zambon sono una coppia di sposi dell’Azione cattolica ambrosiana.
Abitano a Gallarate e sono sposati da 33 anni, hanno tre figlie e una nipotina.
Paolo, ora in pensione, è stato un impiegato tecnico; Maria insegna matematica
e fisica in una scuola superiore.
Sono tra i pochi laici a ricoprire un ruolo di responsabilità nella Curia di Milano. Pernomina dell’arcivescovo Mario Delpini, sono infatti responsabili del Servizio
Famiglia della diocesi di Milano, insieme a don Massimiliano Sabbadini.
Maria è da sempre impegnata come catechista di Iniziazione cristiana. Paolo è
membro del Consiglio pastorale parrocchiale. Come coppia hanno tenuto corsi
parrocchiali alle coppie che si devono sposare e sono stati referenti decanali (e
poi zonali) della zona di Varese per la Pastorale famigliare. Da giovani Paolo e
Maria sono stati molto impegnati nel sociale, come volontari per la cura dei
disabili. Negli ultimi anni si sono occupati anche di pastorale battesimale.
«L’Azione Cattolica Ambrosiana ci ha dato una formazione, che ci ha permesso di
vivere in tutti gli ambiti del nostro quotidiano quello stile di prossimità e gratuità
nelle relazioni, richiamato nel Vangelo. La prossimità e la gratuità vissute in famiglia
sono elementi di speranza per i genitori e per i figli, anche per le famiglie in
difficoltà. È possibile vivere la gioia della fede in famiglia».
CHE COS’È L’AZIONE CATTOLICA?
L’Azione cattolica è un’associazione di laici cristiani impegnati a vivere la vita di
ogni giorno alla luce dell’esperienza di fede. Propone iniziative e percorsi di
formazione rivolti a tutte le fasce d’età, dai bambini e i ragazzi fino agli adulti e
agli anziani, passando per i giovani e gli adolescenti. I laici di Azione cattolica si
educano reciprocamente alla responsabilità, in un cammino personale e
comunitario di formazione umana e cristiana. L’Azione cattolica fin da principio
ha scelto di rispondere alla vocazione missionaria laicale, mettendosi a servizio
delle singole Chiese locali. Il suo servizio alla Chiesa si esprime nella scelta di stare
in maniera corresponsabile nelle diocesi e nelle parrocchie, costruendo percorsi di
comunione con le altre aggregazioni laicali, in fedeltà a quanto il Concilio ha
chiesto a tutti i laici.
ELENCO COMPLETO DELLE SEDI DELLE ASSEMBLEE “DECENTRATE”
Zona pastorale 1– Milano: Centro Diocesano, via Sant’Antonio 5. Ore 14,30
Zona pastorale 2 – Varese: Villa Cagnola, Gazzada Schianno. Ore 15
Zona pastorale 3 – Lecco: Casa di Ac, piazza Santa Maria Assunta a Costa
Masnaga. Ore 15
Zona pastorale 4 – Rho: Auditorium Mather Orphanorum, via Ciro Menotti 160 a
Legnano. Ore 15.
Zona pastorale 5 – Monza: Auditorium Paolo e Davide Disarò, piazza Mons. Arrigoni
a Cesano Maderno. Ore 14.
Zona pastorale 6 – Melegnano: i decanati di Melzo, Treviglio e Trezzo si ritrovano
all’oratorio Sant’Alessandro, via Mons. Orsenigo 7 a Melzo. Ore 15. I decanati di
Abbiategrasso e Cesano Boscone si ritrovano nella Chiesa del Sacro Cuore –
Palazzo Sala Cocini, via Mazzini 83 ad Abbiategrasso. Ore 14.
Zona pastorale 7 – Sesto San Giovanni: salone della Parrocchia San Giuseppe, via
Milano 99 a Cologno Monzese. Ore 15

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui