L’aquilone per Patrick Zaky torna a volare. Questa volta a Milano

0
321

MILANO, 6 ottobre 2020-Giovedí 8 ottobre alle 17.30 all’Arco della Pace di Milano, l’aquilone per Patrick Zaky volerà nel cielo di Milano. A sostenere l’iniziativa, oltre alle organizzazioni promotrici (Festival dei Diritti UmaniAmnesty International – Italia e Articolo 21), è anche il Consiglio comunale di Milano che ha aderito all’unanimità. Oltre ad esponenti delle organizzazioni promotrici e rappresentanti del Consiglio comunale di Milano, sarà presente all’iniziativa anche la giornalista e scrittrice Marianna Aprile.

Dopo il volo inaugurale del 12 settembre a Cervia e quello del 1° ottobre a Conselice, l’aquilone col volto di Patrick Zaky, disegnato dall’artista-attivista Gianluca Costantini, arriva a Milano in una data non casuale. L’8 ottobre sono esattamente otto mesi dall’arresto al Cairo del giovane studente egiziano dell’Università di Bologna. Ma soprattutto è atteso per l’8 ottobre l’esito della nuova udienza sulla detenzione preventiva di Zaky. La speranza quindi è che il volo dell’aquilone, vietato da mesi in Egitto, diventi il primo saluto per Patrick libero.

Lo studente è indagato per cinque diversi capi d’accusa contenuti in un mandato di cattura emesso nel settembre 2019, quando era già in Italia: minaccia alla sicurezza nazionale, incitamento a manifestazione illegale, sovversione, diffusione di notizie false e propaganda per il terrorismo.

 Accuse false e inventate per punire un giovane ricercatore e attivista, che ha sempre agito alla luce del sole tanto in Egitto quanto in Italia.

“Sono soddisfatta per l’adesione all’unanimità dei presenti alla seduta del Consiglio all’iniziativa simbolica per Patrick Zaky, importante per proseguire nella condanna delle violazioni dei diritti umani in Egitto”, ha dichiarato Diana De Marchi, presidente della Commissione pari opportunità e diritti civili del Consiglio comunale di Milano.

“Non sappiamo ancora con quale stato d’animo faremo volare l’aquilone: se di gioia per l’avvenuta scarcerazione di Patrick o di ancora maggiore determinazione per ottenerla in tempi brevi”, ha affermato Giulia Groppi, responsabile per i rapporti istituzionali di Amnesty International Italia, a nome delle tre organizzazioni promotrici.

Sempre per l’8 ottobre è in fase di organizzazione al Pantheon di Roma un flash-mob di Amnesty International Italia, cui hanno aderito per primi Articolo 21 e Festival dei Diritti Umani.

 

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui