Coronavirus, boom senza precedenti di contagi in Lombardia: coinvolta anche provincia di Varese

0
502
VARESE, 15 ottobre 2020-Boom senza precedenti dei contagi da Coronavirus in Lombardia ( in provincia di Milano 1.032 casi, di cui 504 nel capoluogo di Regione).
Se il trend dei numeri dovesse essere confermato anche nei prossimi giorni rischiamo di assistere ad una situazione che potrebbe in breve diventare esplosiva, con gli ospedali che potrebbero non riuscire a contenere il flusso di pazienti positivi.
La situazione è diversa rispetto ai mesi di  marzo e aprile di quest’anno quando a preoccupare erano soprattutto i numeri dei ricoverati in terapia intensiva, ma oggi a preoccupare è che ci siano abbastanza posti letto per tutti i degenti di media-bassa intensità.
Sulla questione interviene Codacons <<La Regione insiste sul fatto di escludere a priori la possibilità di un nuovo “lockdown” a Milano città, ma se i numeri dovessero continuare a peggiorare così come in questi giorni la situazione potrebbe diventare incontrollabile – afferma il Presidente del Codacons, Marco Donzelli – la preoccupazione è che per ora l’afflusso di pazienti in terapia intensiva è ancora relativamente basso, ma visto il considerevole aumento dei ricoveri di pazienti ospedalizzati si teme di dover assistere ad un significativo incremento nei prossimi giorni>>.
Donzelli che aggiunge alcuni punti fondamentali utili  ad arginare l’epidemia <<Fondamentale invertire subito il trend: Stop alla presenza dei ragazzi nelle scuole; Potenziamento e controlli frequenti dei mezzi pubblici cittadini; Smart working per tutti i lavoratori che possono farlo, limitare tutti gli spostamenti non necessari; Creazione di nuovi posti letto. Se non dovessero bastare quelli presso gli ospedali è necessario requisire gli alberghi e gli hotel, isolare i positivi anche asintomatici per evitare la diffusione del contagio. Agire subito o rischieremo un’enorme tragedia>>.
In allarme chiaramente pure i vertici della Regione Lombardia con il presidente Attilio Fontana che sottolinea <<Stiamo monitorando la situazione e nelle prossime ore diremo se è necessario prendere qualche misura o se invece basterà essere rigorosamente rispettosi di quanto è già stato disposto>>.
image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui