Besano, il Comune in aiuto agli over 80 a prenotare vaccino anti covid 19

0
663

BESANO, 15 febbraio 2021-Il Comune di Besano si mette a disposizione per aiutare i cittadini over 80 a prenotare il vaccino anti covid19.
L’Amministrazione ha pensato di affiancarsi all’aiuto che i familiari, nonché i medici di base ed i farmacisti, possono dare agli anziani con più di 80 anni per prenotare la vaccinazione sul portale dedicato di Regione Lombardia.
Il Sindaco Leslie Giovanni Mulas dichiara: “vogliamo dare un aiuto ai nostri anziani che non sono avvezzi all’utilizzo del PC e che non sempre hanno parenti che possono aiutarli. I medici di base ed i farmacisti sono sicuramente disponibili ma sono stati caricati di molti impegni in questa fase, per questo vogliamo affiancarci a loro per dosare meglio le forze ed aiutare quanti più cittadini possibile”.
Nelle giornate di MERCOLEDI’, dalle ore 9.30 alle 11.30 e GIOVEDI’, dalle ore 14.45 alle ore 17, presso la Biblioteca di Besano, i cittadini con più di 80 anni (classe 1941 a salire) possono recarsi presso la BIBLIOTECA
di Besano, in Via Restelli 4, per effettuare la prenotazione. E’ sufficiente portare con sè la propria tessera sanitaria ed il proprio numero di telefono, fisso o di cellulare, sul quale si riceverà nei giorni successivi un messaggio contenente luogo ed ora della vaccinazione.
Tra le varie prenotazione effettuate, Regione Lombardia darà priorità ai cittadini ultracentenari, poi agli ultranovantenni e via a scendere fino ai nati nel 1941.
“La popolazione anziana è quella più a rischio di contagio, per questo è importante che siano utilizzati tutti gli strumenti possibili per aiutare queste persone a superare questo brutto periodo nel migliore dei modi.
L’aiuto per prenotare la vaccinazione va in questa direzione, come altre iniziative intraprese dal Comune. A tal proposito ricordo anche che sono ancora disponibili i saturimetri che il Comune ha comprato per donarli gratuitamente ai cittadini con gravi patologie pregresse (tumori, malattie respiratorie, disabilità gravi ecc). E’ sufficiente richiederli agli uffici comunali presentando il certificato che attesta la patologia” conclude Mulas

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui