1

Fibromialgia, richiesta formale dalla Regione Lombardia al Governo di riconoscimento nei LEA

VARESE, 16 febbraio 2021– “La delibera approvata dalla Giunta regionale è un altro importante tassello da aggiungere al percorso avviato in questi anni in Consiglio regionale e in Commissione Sanità. La mozione approvata a ottobre 2020, di cui sono stato primo firmatario, con cui abbiamo chiesto al Governo il riconoscimento della Fibromialgia nei LEA è solo l’ultima tappa in ordine di tempo. Auspico che il nuovo Governo cambi marcia anche su questo e sia sensibile alla richiesta di Regione Lombardia”.
Lo dichiara Emanuele Monti, Presidente della Commissione Sanità e Politiche Sociali della Lombardia, in merito alla delibera di Giunta regionale relativa alla patologia fibromialgica.

“La Fibromialgia – spiega Emanuele Monti – è una malattia reumatica che colpisce 4 milioni di cittadini italiani, con una forte potenza invalidante, prevalentemente nella fascia d’età 45-64. Per favorire l’implementazione e il perfezionamento dei percorsi di cura e di presa in carico dei pazienti affetti da questa patologia è necessario che la Fibromialgia sia finalmente riconosciuta nei Livelli Essenziali di Assistenza”.

“Il Consiglio regionale, lo scorso anno, ha approvato una mozione, di cui sono stato proponente e primo firmatario, con il quale impegnava la Giunta ad intervenire presso il Governo affinché si ottemperasse a questo riconoscimento. Questa preziosa iniziativa dell’Aula di Palazzo Pirelli è stata supportata anche dai pareri autorevoli dell’OMS, del Parlamento Europeo e del Consiglio Superiore di Sanità che ne hanno confermato le caratteristiche croniche ed altamente invalidanti” aggiunge Monti.

“Regione Lombardia pone in questo modo le basi concrete per la cura della patologia fibromialgica e che mi auguro possano essere di spunto per tutte le altre regioni italiane. La delibera approvata oggi promuove anche percorsi formativi rivolti ai medici di famiglia per migliorare la competenza in ambito di diagnosi precoce e la relativa impostazione dei percorsi di cura. Inoltre, promuove campagne di sensibilizzazione ed informazione alla popolazione e istituisce una commissione tecnica ad hoc che aggiornerà costantemente le linee guida sulla fibromialgia in Lombardia. Infine, si andranno a censire tutte le strutture sanitarie che svolgeranno un ruolo hub per la presa in carico”.

“Ringrazio la Vice Presidente, Letizia Moratti, – conclude – per aver ripreso in mano con celerità un percorso avviato prima del suo insediamento. Auspico che anche sul tema della Fibromialgia ci sia un cambio di passo da parte del nuovo Governo, oggi certamente è un giorno importante per tutti i pazienti fibromialgici lombardi che da anni chiedono ascolto alle istituzioni”.